phishing email truffa Unicredit Sanpaolo BNL

Negli ultimi mesi sono stati molteplici gli escamotage ideati dai principali istituti bancari Italiani atti a contrastare le truffe ma, a quanto pare, queste ultime sono ancora vive e vegete. Ogni giorno, infatti, sono centinaia i correntisti di Unicredit, Intesa SanPaolo e BNL che vengono raggirati facilmente dagli Hacker il cui scopo è quello di svuotare quanti più conti possibili. Fortunatamente, però, a quanto pare è diventato molto più facile stanare e bloccare tutte queste operazioni malevole.

Ad oggi, quindi, la truffa maggiormente riscontrata dai consumatori riguarda una versione evoluta del classico Phishing. Si tratta infatti del cosiddetto Smishing, chiamato in questo modo per via delle modalità con cui si diffonde tra le vittime, che colpisce gli utenti direttamente sul proprio Smartphone attraverso un semplice SMS fittizio. Scopriamo di seguito maggiori dettagli sul come difendersi.

Truffe Unicredit, SanPaolo e BNL: arriva lo Smishing, una versione evoluta del Phishing

Nell’ultimo mese, secondo le statistiche, sono aumentati in maniera esponenziale i correntisti di Unicredit, Sanpaolo e BNL che, sulla propria linea telefonica Tim, Wind, Tre e Vodafone, si sono imbattuti in diversi messaggi di testo i quali, a tutti gli effetti, rappresentano un vero e proprio tentativo di Phishing.

Nella maggior parte dei casi l’SMS ricevuto dall’utente vittima spinge quest’ultimo a cliccare su un link fittizio con la scusa di “verificare”,“aggiornare” oppure “riattivare” il proprio conto bancario. Ovviamente tutte queste operazioni risultano essere completamente false poiché, cliccando sul link presente nel messaggio, si verrà reindirizzati ad un sito web fasullo che finge di rappresentare il portale originale della banca.

Attualmente l’unico modo per difendersi da queste truffe è quello di tenere gli occhi ben aperti. Gli istituti bancari, infatti, non chiederanno mai dei dati sensibili attraverso SMS o chiamate vocali.