bancheIn rete avete sicuramente sentito molto parlare di truffe perpetrate ai danni di Unicredit, BNL, Intesa Sanpaolo e delle banche in generale, con conti correnti in pericolo e possibili tentativi di accesso indesiderato. Ma come avvengono? e cosa potete fare per proteggervi?

Sfatiamo subito un mito, per evitare queste truffe le banche possono fare davvero poco, sono completamente incolpevoli, tutto è nelle vostre mani. Non temete, i conti correnti sono perfettamente al sicuro, il meccanismo che andremo a raccontarvi sfrutta le vostre debolezze, poiché sarete voi stessi a concedere ai malviventi l’accesso al denaro.

Tutto ruota attorno al solito phishing, ovvero all’invio di messaggi di posta fittizi in cui il criminale si finge l’azienda di cui siete clienti; il suddetto emulerà una comunicazione ufficiale (anche da un punto di vista grafico), cercando di invitarvi a premere un link interno per il collegamento al sito ufficiale.

 

Truffe Unicredit, Intesa Sanpaolo e banche in generale: come avvengono

Per proteggersi l’unica cosa da fare è cancellare immediatamente il messaggio e dimenticarsene, poiché è bene ricordare che le banche non inviano mai comunicazioni di questo tipo, a meno che non ne abbiate fatta espressamente richiesta.

Coloro che seguiranno pedissequamente le indicazioni, si troveranno collegati ad un sito internet esterno, identico all’originale, ma salvato su un server gestito dai malviventi; ciò sta a significare, in parole povere, che ogni informazione inserita al suo interno (come i dati di accesso per connettersi al proprio home banking), verrà poi acquisita dai criminali per essere utilizzata a piacimento in un secondo momento.