truffa diamanti intesa sanpaolo unicredit BPMLa truffa dei diamanti non è una cosa nuova per i clienti Intesa Sanpaolo e Unicredit, colpiti dalla frode che ha azzerato letteralmente i conti correnti. Il giro di azioni criminose di IDB (Intermarket Diamond Business) e DPI (Diamond Private Investment) è ricaduto sulle spalle degli investitori, per i quali si è registrato un losco affare costato 700 milioni di euro. Siamo in attesa dei rimborsi che tardano ad arrivare a causa delle indagini in corso.

 

Truffa dei diamanti: conti prosciugati per Sanpaolo e Unicredit

Gli investigatori della Guardia di Finanza si trovano in difficoltà di fronte alle richieste di rimborso avanzate da parte dei clienti. Le indagini proseguono ai danni delle due società di Roma e Milano che hanno già dichiarato fallimento. Per le banche italiane di Sanpaolo e Unicredit la vicenda ha attribuito loro responsabilità amministrativa.

L’allarme per la supervalutazione forzata dei preziosi era stato lanciato dal programma TV Report mesi addietro. Pochi hanno guardato con diffidenza un affare troppo bello per essere vero. Chi ha deciso di rimanere ha perso tutto, incentivato da un crescente guadagno rivelatosi successivamente una truffa bancaria in piena regola. Il valore dei preziosi è quasi raddoppiato misteriosamente. Sempre più clienti hanno aumentato gli investimenti, ritrovandosi poi a mani vuote ed amareggiati per la presa in giro. Tra questi anche importanti personaggi della moda e dello spettacolo televisivo.

Leggi anche:  Banche UniCredit, Sanpaolo e BPM: arrivano le prime novità sulle truffe

Le autorità confermano l’elargizione dei rimborsi a breve termine, sebbene in merito non siano state ancora indicate precise tempistiche. Vi aggiorneremo sullo status degli interventi non appena vi sarà occasione. Seguici sul nostro sito ed attiva le notifiche per le notizie in tempo reale.