truffe-bancarie

Nelle corso delle ultime settimane, centinaia di titolari di conti correnti Italiani sono stati colpiti da molteplici truffe le quali sembrano mirare allo svuotamento totale dei cc colpiti. Secondo alcune segnalazioni pervenute dagli utenti ingannati, gli attacchi lanciati da Hacker e Cyber Criminali sembrano sfruttare la classica tecnica delle email Phishing, inoltrate sfruttando i nomi dei principali istituti bancari Italiani, come Unicredit, Intesa SanPaolo e BNL. Sfortunatamente, sebbene queste e-mail presentino molteplici irregolarità, centinaia di migliaia di utenti che non sono a conoscenza di questa tecnica rischiano ogni giorno di essere colpiti.

Ma come funziona dunque la tecnica del Phishing? Attraverso l’inganno, i criminali informatici cercano di rubare i dati di accesso alle piattaforme di home banking cosi da potersi impossessare dei conti correnti delle vittime colpite. Uno dei trucchi più diffusi è in assoluto quello degli “account bloccati”. Ecco di seguito i dettagli.

Truffe Bancarie: attenzione al Phishing e alle mail fasulle

Nelle email inoltrate dai criminali, dunque, è spesso presente un collegamento ipertestuale che rimanda da una pagina web simile in tutto e per tutto alla pagina ufficiale della propria banca. L’unica differenza, però, risiede nel modulo di accesso. Inserendo le nostre credenziali all’interno del link contenuto nell’email, queste ultime vengono istantaneamente inoltrate al truffatore il quale, in pochi secondi, riesce ad azzerare i nostri risparmi.

Nonostante risulti essere un pericolo estremo, in realtà evitare la truffa non è poi cosi difficile. Il nostro consiglio è quindi quello di controllare rigorosamente il mittente della mail che, nei casi di Phishing, non coincide con la mail ufficiale della vostra banca.