token Unicredit

Fino a qualche giorno fa tutti i clienti di Unicredit e Intesa Sanpaolo sono stati abituati ad utilizzare esclusivamente la classica “chiavetta” per accedere al portale della propria home banking e per autorizzare ogni singola transazione effettuata online. Nell’ultima settimana, però, è stato introdotto un sistema di riconoscimento via Smartphone che va ad affiancare il classico token di plastica. Le banche, infatti, stanno seguendo il processo di digitalizzazione imposto dalla Direttiva Europea sui pagamenti elettronici, nota anche come PSD2 (Payment Services Directive 2). Questa direttiva, quindi, disciplina i pagamenti digitali introducendo una maggiore sicurezza e trasparenza nei movimenti. Scopriamo di seguito i dettagli.

Unicredit e Sanpaolo: arriva un nuovo tipo di token, ecco i dettagli

A partire dallo scorso 14 settembre 2019 i clienti di Unicredit e Sanpaolo, oltre alla classica chiavetta che è stata adattata alla nuova normativa, hanno a disposizione anche un sistema di autenticazione via Smartphone che avviene attraverso i sistemi biometrici come Touch ID e Face ID. Per quanto riguarda Intesa Sanpaolo, il nuovo servizio è stato chiamato O-Key Smart ed è attivabile tramite l’app della banca. Stessa cosa per Unicredit dove, all’interno dell’app Mobile Banking UniCredit, troverete la sezione Mobile Token.

Leggi anche:  Fisco: nuovi e più accurati controlli per i clienti Unicredit, Intesa e BNL

Attualmente gli accessi sono quindi regolamentati dalla SCA (Strong Customer Authentication), un’autenticazione che richiede la compresenza di almeno due fattori tra i seguenti:

  • oggetto ad uso esclusivo del cliente (token OTP);
  • caratteristica unica del cliente (impronta digitale o altro fattore biometrico);
  • informazione segreta nota al solo cliente (password).

Cosi facendo, quindi, le operazioni bancarie diventano ancora più sicure. Un’enorme passo in avanti, quindi, che sbarra definitivamente la strada a frodi e malintenzionati.