fisco controlli sui conti correnti

Gli utilizzatori dei conti correnti con i servizi di Unicredit, BNL e Sanpaolo dovranno attender nuovi controlli da parte del Fisco nei prossimi mesi. Lo scopo sembra essere quello di combattere per sempre quella che è una delle più grandi piaghe dello Stato, l’evasione fiscale.

L’agenzia delle entrate con i nuovi poteri acquisiti con la nuova arma concessa dal Fisco, il risparmiometro, si arriveranno a controllare le spese in uscita e i guadagni in entrata all’interno dei nuclei familiari, al fine di garantire la massima trasparenza verso lo Stato Italiano.

Nel mirino non solo i correntisti dei servizi bancari sopracitati, ma anche i clienti che usufruiscono di un Istituto di Credito Postale. Quel che c’è da dire però è che i controlli riguarderanno l’intero nucleo familiare e non il singolo cittadino.

Nuovi controlli al fine di prevenire l’evasione fiscale

Il Fisco ha dichiarato di voler combattere con tutte le forze i possibili evasori dello Stato. Il risparmiometro che verificherà la percentuale fra le spese e le entrate di ogni famiglia, sarà il mezzo con cui poi la Guardia di Finanza effettuerà il controllo aggiuntivo. Se il GAP fra le entrate e le spese sarà superiore al 20% , scatteranno i controlli immediati da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Leggi anche:  Unicredit, Sanpaolo e BNL: dopo la truffa dei Diamanti arriva il Fisco

I controlli riguarderanno un po’ tutti pertanto anche i nullatenenti dovranno attendersi dei controlli se vi sarà una divergenza monetaria fra quanto dichiarato con il lavoro (o non), e le spese registrate dichiarate effettuate. Saranno soggette a controlli sia gli acquisti grandi come quello di un immobile o di un’autovettura, sia le spese più piccole come quelle per il vestiario, la tecnologia, il cibo, la salute e i viaggi.