fisco-controlli-correntisti

Ore concitate per il Fisco, arrivano infatti controlli più efficaci e accurati per i correntisti Unicredit, Bnl e Intesa Sanpaolo. A dare l’ok è il Ministero Del Tesoro, che si è detto favorevole a misure più selettive sui conti correnti italiani. L’Agenzia delle Entrate ha infatti creato un algoritmo in gradi di confrontare il reddito dichiarato con il “portafoglio” dei contribuenti.

Fisco: in arrivo controlli per i correntisti Unicredit, Bnl e Intesa Sanpaolo

Se avete delle incongruenze correte ai ripari, potreste diventare oggetto di controlli. Favorita dal decreto Salva-Italia del 2012, l’Agenzia delle Entrate potrà ora controllare i conti correnti di tutti gli italiani. Inizialmente il provvedimento era valido solo per le società a responsabilità limitata.

Con l’ulteriore via libera anche del Garante della Privacy, Fiamme Gialle e Fisco potranno unire le forze ed incrociare i propri dati relativi ai movimenti di denaro. Sarà quindi molto più semplice accertare chi ha dichiarato meno del dovuto.

Fisco: chi rischia di più?

I primi a subire i controlli saranno tutti i contribuenti con un profilo di rischio elevato. Fanno parte di questa categoria tutti coloro che hanno effettuato acquisti rilevanti nell’arco di dodici mesi. Saranno quindi analizzati i flussi di denaro sospetti, differenti dal normale tenore di vita.

Leggi anche:  Truffa Agenzia delle Entrate: ecco come identificarla ed evitarla

L’algoritmo valuterà il rapporto tra entrate e uscite, analizzando eventuali anomalie. Nel caso la differenza sia molto evidente, potrebbe partire una verifica approfondita. Questa interpolazione di dati è volta a smascherare le entrate derivanti dai lavori in nero. Nel caso in cui il contribuente si avvalga di questa forma lavorativa incorrerà infatti in una sanzione. E’ quasi tutto pronto, per dare il via a questa “macchina della verità” infatti manca solo la firma del direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Per confutare i dati del computer ci sarà sempre una doppia verifica, operata da un incaricato. Questo sistema darà sicuramente un taglio netto all’evasione fiscale, non toccando però chi non ha nulla da nascondere.