banche-conto-corrente-chiuso

Ad oggi, come abbiamo già visto nelle ultime settimane, le Banche Italiane hanno la possibilità di chiudere in maniera definitiva i conti correnti dei consumatori, applicando la cosiddetta chiusura unilaterale. Basta infatti una semplice raccomandata per obbligare gli Italiani ad aprire un nuovo conto corrente in pochissimi giorni. Ciononostante, però, una nuova legge potrebbe costringere ognuno di noi ad utilizzare un unico IBAN per ricevere lo stipendio, pagare bollette e tasse, pagare l’affitto, richiedere un prestito e tanto altro ancora.

Il recente disegno di legge, infatti, punta a tutelare i conti correnti dei cittadini e, se approvato, potrebbe bloccare definitivamente le Banche, eliminando quindi la possibilità di chiudere in maniera autonoma e spontanea i rapporti con un cliente. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Conti Correnti: ecco le ultime novità sui blocchi imposti dalle Banche

Se dovesse essere introdotto definitivamente, quindi, il nuovo Disegno di Legge 1712 tutelerà i conti correnti e le carte di credito dei cittadini Italiani. La nuova proposta, infatti, punta ad escludere il diritto di recesso da parte delle banche che, di fatto, non potranno più sospendere i conti correnti degli Italiani, siano essi occupati o disoccupati.

Ciò significa, quindi, che le banche non potranno più revocare, in nessuno modo, le carte di credito e quelle prepagate utilizzate ormai ogni giorno da centinaia di migliaia di consumatori. Ricordiamo infine che, nel caso in cui la nuova legge venga approvata, quest’ultima impedirebbe alle banche di chiedere al cliente di rientrare prima della scadenza contrattuale. Restate connessi per ulteriori novità a riguardo.