microsoft-to-do-app-android-ios-lista-download

Le app di “elenchi di cose da fare” sono diventate popolari sui sistemi operativi mobili da molto tempo. Google ha i suoi Google Task su Android, mentre Apple ha l’app Promemoria su iOS. Le app To-Do di terze parti come Todoist, Any.do e altri sono ancora in uso.

Wunderlist, realizzata dalla società tedesca 6Wunderkinder, era un’app di terze parti multipiattaforma molto popolare prima che la società fosse acquistata da Microsoft nel 2015. Nel 2017, la società ha rilasciato la propria app To-Do, chiamata Microsoft To Do. 

Microsoft To Do per Android e iOS riceve nuovi aggiornamenti

Inizialmente, Microsoft To Do era un’ombra di Wunderlist in termini di funzionalità, in quanto Microsoft ha optato per creare l’app da zero invece di iniziare dal livello di funzionalità di Wunderlist. Tuttavia, l’app ha ricevuto notevoli miglioramenti in termini di funzionalità nell’ultimo anno. 

A settembre, l’app è stata ridisegnata, rendendo l’interfaccia utente più pulita e più intuitiva. Ha anche ottenuto una nuova funzionalità in modalità scura e la sincronizzazione multipiattaforma per consentire agli utenti di passare da Wunderlist a Microsoft To Do. Ora, Microsoft ha rilasciato un altro aggiornamento (versione 2.6) per To Do portando due nuove funzionalità.

La prima nuova funzionalità è l’aggiunta di notifiche che informano l’utente quando un collaboratore aggiunge un’attività in un elenco condiviso. Queste notifiche push per la collaborazione ora sono solo per gli account personali, ma la società afferma che la funzionalità sarà presto disponibile anche per gli account di lavoro e scolastici.

La seconda nuova funzionalità è il supporto del trascinamento della selezione per testo e file in modalità schermo diviso. In modalità schermo diviso, gli utenti possono ora trascinare e rilasciare testo (da Gmail, ad esempio) e file (da un gestore di file) direttamente in Microsoft To Do. Tuttavia, il supporto del trascinamento della selezione per i file non funziona attualmente con l’app OneDrive di Microsoft o con Solid Explorer.