fisco-nuovi-controlli

Pochi giorni fa gli italiani si sono svegliati con una bella doccia fredda, l’annuncio di nuovi controlli fiscali da parte dell’Agenzia delle Entrate. I correntisti Unicredit, BNL e Sanpaolo non potranno più dormire sonni tranquilli a causa di verifiche molto più selettive alle loro spese e ai loro depositi bancari.

Attraverso il famosissimo Decreto Dignità, l’Agenzia ha infatti guadagnato il pieno controllo dei conti correnti dei cittadini. Questi potranno essere controllati attraverso il redditometro. L’algoritmo sviluppato in collaborazione con il Fisco potrà mettere a confronto quanto dichiarato dal cittadino con quanto effettivamente spende. Qualora risultassero anomalie in questo semplice rapporto verranno predisposti dei controlli. Il metodo è molto efficace e permetterà di scoprire chi si avvale di fonti di reddito non dichiarate.

Controlli Fiscali: doccia fredda per i correntisti Unicredit, BNL e SanPaolo

Grazie alla sua nuova autonomia l’Agenzia delle Entrate potrà come anticipato, controllare con il redditometro ogni cittadino. Verranno ricercate incongruenze tra dichiarazione dei redditi e tenore di vita. Per quest’ultimo si intende tuttavia quello del nucleo familiare, non del singolo contribuente.

In particolar modo verrà ricercata un incongruenza superiore del 20%. Nel caso in cui venga a verificarsi tale condizione, sarà predisposto un controllo. Un incaricato richiederà quindi prove documentali circa le spese effettuate.

Il redditometro risulta molto preciso ed accurato e calcolerà autonomamente le spese ritenute più importanti. Ad esempio si potrebbe attivare con l’acquisto di un immobile o con un’auto di lusso. Come precedentemente anticipato non verranno valutate unicamente le spese del contribuente ma anche eventuali depositi bancari. Qualora somme di denaro permangano sul conto corrente si potrebbe infatti pensare ad una fonte di reddito non dichiarato.

Le spese che verranno valutate riguardano inoltre anche beni di prima necessità. Saranno vagliate: spese per prodotti tecnologici, spese per animali domestici, abbigliamento, collaboratori domestici,viaggi e salute.