sony playstation 5

Dopo i rumor riguardo la nuova Xbox Scarlet, trapelati giusto qualche giorno fa, la console war per la prossima generazione si intensifica ulteriormente. Se le componenti relative alla console di casa Microsoft non sono state ufficializzate, Sony invece ha giocato d’anticipo rispetto al rivale.

Durante una recente intervista a Mark Cerny, il Lead System Architect responsabile della nuova console ha svelato alcuni particolari su PlayStation 5. La nuova console Sony sarà caratterizzata da un processore Zen 2, talmente nuovo che la presentazione ufficiale è fissata il prossimo 27 maggio al Computex di Taipei. Il System on a Chip è realizzato con processo produttivo a 7nm e conta otto core ma non si conosce la frequenza operativa.

Il processore scelto sarà in versione custom, ossia personalizzato da Sony, così come la GPU Radeon Navi che equipaggerà PlayStation 5. Al momento non si conoscono i dettagli operativi su questa GPU ma Mark Cerny ha rivelato un aspetto molto importante. La console di nuova generazione potrà sfruttare il tanto chiacchierato Ray Tracing.

Leggi anche:  Microsoft lancia Visual Studio Online: un nuovo strumento legato al coding

Questa tecnologia assicura effetti visivi senza precedenti grazie agli algoritmi che analizzano in tempo reale le superfici in game per generare riflessi ed effetti di luce credibili. Per gestire questi algoritmi serve una potenza di calcolo mostruosa. Su PC

Altro aspetto interessante di PlayStation 5 sarà l’audio tridimensionale. Stando alle parole di Mark Cerny, questa tecnologia cambierà il modo di giocare. Ovviamente ci si aspetta pieno supporto a soundbar di alto livello e cuffie da gaming con effetto 3D. Non mancheranno un sistema di archiviazione basato su SSD, il supporto alla risoluzione 8K e ovviamente la retrocompatibilità dei giochi PlayStation 4.