Ricomincia una nuova tornata di rimborsi per chi ha acquistato negli scorsi mesi una bici o un monopattino. Il Bonus Mobilità 2020, infatti, permetterà a molti cittadini di ottenere un ritorno del 60% della spesa effettuata per un tetto massimo di 500 euro: una grande opportunità per chi, già da tempo, pianificava di procedere ad un simile acquisto.

Per molti rappresenta l’occasione di ricevere un rimborso spese, per tanti altri la possibilità di generare un voucher da impiegare poi al momento dell’acquisto e dedurre direttamente il 60% dell’importo, senza doverlo anticipare e poi ricevere il rimborso.

Il click-day è passato, ed è caduto il 3 novembre scorso, ma la possibilità di ricevere rimborsi è al momento fissata a richieste su acquisti effettuati entro il 31 dicembre 2020.

Bonus Mobilità 2020, ecco cosa bisogna avere per richiederlo

Per essere pronti a chiedere il rimborso o a creare il voucher, è necessario avere già a disposizione in partenza alcune credenziali e dati personali per poter autenticare la domanda.

Di fatto, bisogna già avere una propria SPID, ossia un’identità digitale, che si acquisisce dal sito dedicato del Ministero attraverso uno dei molteplici provider che offrono questo servizio. In questo momento sono molti i cittadini che stanno effettuando richieste di creazione della SPID, motivo per cui è meglio attivarsi il prima possibile per essere ancora in tempo a far richiesta di Bonus.

Inoltre, è indispensabile avere a disposizione la propria carta d’identità, la tessera sanitaria e, qualora si intenda chiedere il rimborso e non generare il voucher, anche lo scontrino parlante o la fattura che indichi l’importo dell’acquisto effettuato.