phishing email truffa Unicredit Sanpaolo BNLLe truffe ai danni dei principali istituti di credito del nostro paese, come UnicreditIntesa Sanpaolo BNL, possono essere davvero molto pericolose per il denaro dei contribuenti, in quanto arriverebbero a svuotare i conti correnti senza nemmeno che quest’ultimi se ne possano effettivamente accorgere.

Il meccanismo o il trucco che ruota attorno a tutto questo non è innovativo o mai visto, anzi, è esattamente identico a quanto ogni giorno vi raccontiamo in merito alle PostePay. Il suo nome è phishing, affonda le radici nel lontano passato, e sfrutta principalmente l’inadeguatezza dei consumatori; va ricordato, infatti, che il problema non è assolutamente da imputare all’azienda stessa, quanto proprio all’incapacità delle vittime.

Tutto ha inizio con un “semplice” invio di un messaggio di posta elettronica, tramite il quale il malvivente si finge l’istituto di credito (in effetti il mittente appare essere proprio quello), e cerca di spingere il cliente a premere un link, con la promessa di collegamento al sito ufficiale per la modifica della password o la riattivazione dell’account.

 

Truffe BNL, Unicredit e Intesa Sanpaolo: come funziona

Il portale apparirà essere esattamente identico all’originale, ma purtroppo nasconde al proprio interno un’insidia non da poco, in quanto risulta essere memorizzato su un server interamente gestito dai cybercriminali, i quali memorizzeranno tutti i dati che l’utente andrà ad inserire.

Ciò sta a significare, in parole povere, che se cercherà di effettuare il login al proprio account, i dati d’accesso verranno condivisi con i malviventi, per poi essere utilizzati per accedere indisturbati al conto stesso.