Abbiamo già parlato in precedenza delle Smart Cities e di tutte le innovazioni che sono state proposte quest’anno già a partire dal CES 2020. La ricerca relativa a questo grande progresso tecnologico rappresentato dalle città smart è attiva giù da un po’ in diverse parti del mondo e l’Italia non deve essere da meno.

In cosa consiste il bando lanciato dal MiSE

Secondo CorCom, il bando in questione dovrebbe essere lanciato il mese prossimo, e ammonterà a 50 milioni di euro, in favore dei fabbisogni dei Comuni. Il nome del bando è precisamente Fabbisogno di mobilità e specificità territoriali e sarà destinato a enti di ricerca e imprese a favore della mobilità sostenibile come in accordo con Agid. L’idea è di avviare un piano di ricerca e sviluppo nell’innovazione tecnologica che si sposi con l’eco-sostenibilità e naturalmente con l’efficienza dei servizi.

Al fine di accelerare il processo di evoluzione digitale delle città, il MiSE (Ministero dello Sviluppo Economico) ha le PA locali per avere un confronto. L’azione del MiSE in relazione può essere di vario tipo:

  • L’Ecobonus per auto e motoveicoli;
  • Il pacchetto sperimentale per la micromobilità urbana;
  • Incentivi per le colonnine di ricarica;
  • Disposizioni a favore della mobilità eco-sostenibile (ciclabile, elettrica e quant’altro).

Tutto questo deve naturalmente fondersi con il patrimonio storico, architettonico e paesaggistico che l’Italia possiede, senza danneggiarlo. Abbattendo il traffico dei veicoli e riducendo quindi anche il livello di inquinamento all’interno di grandi e piccole città, se ne favorisce la vivibilità e l’attrattiva e questo non può che portare a un notevole sviluppo economico di cui l’Italia ha davvero bisogno. Attendiamo maggiori dettagli.