I clienti che hanno un conto presso Unicredit, Sanpaolo o BNL devono stare attenti a tutti gli hacker che quotidianamente cercano di svuotare i soldi delle vittime. Ogni giorno si legge sul Web di nuove truffe inventate ad opera di cyber criminali esperti. Ma qual è la più famosa?

Ovviamente la frode più gettonata nel Web è il famoso “phishing“. Di tale truffa se ne parla sempre più spesso su Internet e si è diffusa a macchia d’olio negli anni. Gli utenti hanno capito come aggirare il problema, mentre i malintenzionati hanno sviluppato tecniche nuove. Non è infrequente che riescano infatti a rubare soldi semplicemente partendo dalla clonazione di una semplice sim telefonica. Oppure che riescano a fregare soldi con un messaggio SMS o tramite la chat di Instagram o Facebook.

Il phishing è un tentativo di truffa online che avviene mediante email, e il cui mittente si spaccia per un ente importante (come può essere una banca, oppure le Poste Italiane), e riferendosi a problemi di qualche sorta, invita l’utente a cliccare un link malevolo per “sbloccare il conto congelato”. Ovviamente si tratta di un tentativo di truffa in piena regola, pertanto non cascateci e state attenti quando ricevete mail o messaggi “allarmisti”.

Abbiamo capito che i tentativi di questa pratica sono aumentati sempre di più, ma come fare per difendersi da attacchi simili?

Come si riconosce una delle tante truffe online come il phishing?

Il primo step da effettuare per contrastare il fenomeno e difendersi è quello di riconoscere una mail fraudolenta. Essa si caratterizza per la presenza di errori grammaticali, toni allarmisti, un linguaggio informale e colloquiale e la presenza di link allegati.

Pertanto cancellate immediatamente messaggi di questo tipo non appena vi compaiono nella vostra casella, e vi invitiamo a non cliccare mai alcun collegamento ipertestuale per non incappare in situazioni spiacevoli.