Samsung

In queste ore è trapelata la notizia riguardo un nuovo marchio registrato da Samsung. Si tratta del “Neuro Game Booster”, che nei documenti viene indicato come un software per dispositivi mobile, dedicato ai giochi. La registrazione risale al 21 gennaio presso l’ufficio European Union Intellectual Property.

Stando alla descrizione, è facile ipotizzare che il Neuro Game Booster è un sistema che permette di migliorare le prestazioni dello smartphone quando si gioca. Una volta attivata questa modalità, il sistema potrà contare sulla massima potenza di CPU e GPU per migliorare la grafica e mantenere almeno i 60 FPS stabili. A giudicare dal nome, grande importanza sarà data all’analisi dei processi da parte dell’Intelligenza Artificiale.

Il funzionamento, salvo sorprese dell’ultimo, dovrebbe essere simile a quello della GPU Turbo lanciata da Honor lo scorso anno. L’azienda controllata da Huawei sottolinea come, grazie alla tecnologia, è possibile ottenere le massime prestazioni dalla GPU per giocare sempre al meglio. Inoltre è possibile allungare le sessioni di gaming grazie alla funzione integrata di riduzione dei consumi.

Leggi anche:  Huawei rivela i primi smartphone che riceveranno Android Q

Al momento si conosce in che modo il Neuro Game Booster interviene sul System on a Chip. Inoltre resta il dubbio sulla compatibilità con i processori Qualcomm, mentre dovrebbe essere quasi scontata per i SoC proprietari Exynos. Crediamo che la feature sarà presente sull’ultima generazioni dei device coreani e forse arriverà sugli ex top di gamma con un prossimo aggiornamento.

Possiamo aspettarci che ulteriori dettagli saranno svelati all’evento Unpacked che si terrà il prossimo 20 febbraio. L’appuntamento è alle ore 20 per ammirare i nuovi device dell’azienda coreana, la famiglia dei Galaxy S10 e forse anche il dispositivo pieghevole Galaxy F.