CancroUna professoressa del Massachusetts Institute of Technology (cosiddetto MIT) ha utilizzato le ultime innovazioni tecnologiche per rilevare il cancro e scoprire nuovi farmaci per combatterlo. Di recente ha anche vinto un premio dal valore di un milione di dollari per la capacità di rilevare il cancro con l’aiuto dell’Intelligenza Artificiale.

La società di IA più grande al mondo ha assegnato il premio mercoledì alla professoressa Barzilay, specializzata presso il Laboratorio di informatica e intelligenza artificiale del MIT. Barzilay è a sua volta una sopravvissuta al cancro al seno la cui diagnosi del 2014 l’ha portata a spostare il suo lavoro focalizzato solo sull’intelligenza artificiale alla creazione di sistemi per lo sviluppo di farmaci e la diagnosi precoce del cancro. Un semplice progetto ha spianato la strada per un punto di svolta.

Intelligenza Artificiale usata per rilevare il cancro: l’importante scoperta di una professoressa del MIT premiata con un milione di dollari

Lo strumento per la diagnosi del cancro è stato testato in più ospedali. Tra gli ospedali coinvolti il Massachusetts General Hospital di Boston e altri a Taiwan e in Svezia. La professoressa Barzilay è quindi la vincitrice inaugurale del nuovo premio annuale assegnato dall’Association for the Advancement of Artificial Intelligence. Premio finanziato dalla società cinese Squirrel AI. Lo scopo è anche elevare i progressi dell’IA allo stesso livello e importanza di un premio Nobel o di un premio Turing per l’informatica, evidenziando quanto l’IA sia d’aiuto alla società. Come in questo caso con uno strumento che aiuterà tanti pazienti malati di cancro.

Questo premio assegnato alla professoressa del MIT è il primo di una lunga serie e segna un traguardo importante su più fronti. L’Intelligenza Artificiale fino a qualche anno fa non aveva questa rilevanza e centralità e i casi d’uso erano limitati, poco congeniali e talvolta non così rilevanti. Inizialmente l’Intelligenza Artificiale mirava a sostituire dispositivi e strutture già esistenti. Adesso ne crea di nuove dando un contributo non solo importante ma ormai indispensabile.