tasse PatrimonialeNiente poteva fare pensare che l’Agenzia delle Entrate potesse dire addio tasse dopo una serie di notifiche giunte alla mano dei contribuenti che hanno rifiutato i pagamenti. Eppure la situazione è drasticamente cambiata dopo l’accantonamento improvviso delle cartelle esattoriali che risentono della recente sentenza emesse dalla Corte di Cassazione. Questa ha stabilito l’inapplicabilità del regime fiscale per il periodo 2000-2010 con conseguente annullamento delle richieste economiche per interessi di mora ed imposta su multe e bollo auto. Scopriamo insieme quanto sono riusciti a risparmiare alcuni italiani.

 

Agenzia delle Entrate boccia le tasse: addio a queste imposte con lo sconto fiscale

La nuova Ordinanza n. 28072/2019 si prende beffa dei contribuenti che con grande spirito di sacrificio si sono apprestati a sottostare alle richieste economiche del Fisco. Gli evasori vincono con uno sconto da 1000 Euro applicato sulle cartelle inevase per le imposte indicato sopra nel periodo considerato. Una cosa che non è piaciuta a chi ha regolarmente pagato i suoi conti ed a Giuseppe Conte che in una sua intervista ha detto:

“Ciò crea un precedente per eventuali future problematiche legate alla gestione dei capitali. Soprassedere sulla questione debiti consente l’incentivazione del reato. Tutto ciò attua un ammanco dei capitali dello Stato ed un precedente importante nella gestione della Pubblica Amministrazione”

Non c’è dubbio che sia così, eppure la controparte Salvini non è d’accordo. Dopo una sua intervista in cui ha appoggiato il veto assoluto alle tasse per gli italiani ha espresso soddisfazione per l’accordo raggiunto che pure penalizza i contribuenti da sempre in regola. ma ormai è già tutto deciso. Niente da fare. L’ingiustizia continua.