Huawei, HarmonyOS, EMUI 11, P50, Mate 50

Sin dal primo annuncio di HarmonyOS, il nuovo sistema operativo di Huawei ha fatto molto parlare di se. Il software è stato sviluppato sia per una maggiore indipendenza da Android, sia per puntare ad una maggiore integrazione dell’ecosistema di prodotti.

Tuttavia HarmonyOS è rimasto piuttosto nascosto, almeno fino ad ora. Durante una recente intervista a Richard Yu, il CEO di Huawei ha fatto alcune dichiarazioni molto interessanti. L’amministratore ha confermato che l’azienda sta lavorando al lancio di alcuni device che montano l’OS. 

Il prossimo 10 settembre, durante la Huawei Developers Conference 2020 (HDC 2020) l’azienda presenterà una nuova versione di HarmonyOS. In concomitanza con l’evento, saranno annunciati anche tantissimi nuovi device la cui commercializzazione dovrebbe avvenire a breve.

HarmonyOS sembra pronto al debutto ufficiale

Secondo le indiscrezioni, la nuova versione sarà chiamata HarmonyOS 2.0 e potrà operare su PC, smartwatch e sui sistemi di infotainment delle vetture. Si tratta di un grande passo avanti se si considera che la prima generazione era utilizzata solo solo sulle smart TV del brand.

Ma la novità principale è la conferma che HarmonyOS arriverà anche sugli smartphone. Il CEO di Huawei ha confermato questa notizia fornendo anche un dettaglio in più. Il primo smartphone dotato del sistema operativo proprietario Huawei arriverà il prossimo anno.

Tutti i prodotti futuri realizzati dal brand cinese, dai device IoT ai PC, passando per tablet, smartphone e smartwatch potranno utilizzare HarmonyOS. Si tratta di una scelta legata principalmente al Ban e all’impossibilità di collaborare con Google e Android. In questo modo Huawei spera di riuscire a mantenere le proprie quote di mercato, considerando anche i nuovi investimenti che si appresta ad effettuare.