Ford, Mustang Cobra Jet 1400, drag race, automobile elettrica

Sembra una scena tratta da “Fast and Furious” ma invece è tutto vero. La Ford Mustang Cobra Jet 1400 è una vettura in grado di impennare alla partenza, come se fosse una qualsiasi moto da corsa.

La vettura è pensata e progettata per le drag race, le tipiche gare di accelerazione molto amate negli Stati Uniti. In questa tipologia di gare le macchine devono coprire un tratto rettilineo nel minor tempo possibile. Per questo arrivano a sviluppare una forza di coppia elevatissima e questo, spesso, le porta ad impennare.

Questa situazione è abbastanza comune in questo sport se non fosse che la Mustang Cobra Jet 1400 non è un’auto tradizionale. La vettura è un prototipo realizzato per non consumare neanche una goccia di carburante in quanto è totalmente elettrica. Ne consegue che questo risultato è ancora più impressionante. 

La Ford Mustang Cobra Jet 1400 è un mostro di potenza

I tecnici che si occupano del progetto hanno fatto sapere che il prototipo ha superato le aspettative durante tutta la fase di sviluppo. Durante l’ultimo test privato, la Ford Mustang Cobra Jet 1400 ha percorso un quarto di miglio (circa quattrocento metri) in 8,27 secondi. La velocità media raggiunta dalla vettura è stata di 270 chilometri orari. La potenza sprigionata si aggira sui 1.502 CV anche se sarebbe più corretto parlare di 1.105 kW

Nonostante questi risultati, i progettisti credono che si possa ancora migliorare. I principali partner del progetto sono Ford Performance, Cascadia Motion, AEM-EV, MLe e Watson che hanno fornito le varie componenti. Grazie a loro, la ricerca e sviluppo sulla Ford Mustang Cobra Jet 1400 continua.

Il debutto ufficiale della vettura però è previsto questo fine settimana agli US Nationals. La vettura elettrica sfiderà una Mustang Cobra Jet dotata di motore a combustione interna. La sfida rappresenta un’ottima pubblicità per il brand che sta concentrando i propri sforzi sull’elettrificazione delle proprie vetture.

Articolo precedenteTruffe telefoniche: ecco le principali strategie dei call center
Articolo successivoKena Mobile, Poste Mobile e Ho Mobile super richieste: ecco perché
Alessio Amoruso
Economics & Marketing Student, Tech enthusiast, Star Wars Fan and Blogger