WhatsApp: gli utenti scappano via e non tornano più, ma qual è il motivo?

Nel corso di queste settimane, attraverso i vali canali social i leaker hanno condiviso numerose indiscrezioni relative al futuro di WhatsApp. La piattaforma di messaggistica è diventata ora una bussola per molti utenti che, specie durante il periodo del lockdown, hanno sfruttato il servizio per comunicare con amici e parenti.

 

WhatsApp, smentita ogni possibile teoria sul ritorno degli account a pagamento

Tra i rumors principali c’è un possibile ritorno dei profili a pagamento. Con cadenza costante, oramai si accavallano le ipotesi circa un ritorno al passato per la piattaforma di messaggistica. Nei primi anni d’attività, infatti, gli account di WhatsApp erano a pagamento (anche se il costo era più che una formalità, dato il prezzo in pochi centesimi).

Ovviamente tanti utenti non possono concordare su questo ipotetico scenario futuro, anche se il tutto deve essere ridimensionato. Sulla questione, infatti, sono intervenuti a più riprese gli stessi sviluppatori della piattaforma che hanno bollato tali indiscrezioni come vere e proprie fake news. Sempre il team di WhatsAppha inviato inoltre gli utenti alla prudenza. Dietro le notizie sugli account a pagamento diffuse attraverso le catene nascondersi tentativi di phishing da parte di malintenzionati della rete.

Per gli account a pagamento (che non arriveranno), un altro aggiornamento di WhatsApp sta per prendere forma: quello delle pubblicità. La novità che doveva già essere disponibile durante lo scorso febbraio è stata oggetto di rinvio. Le nuove tempistiche danno però per certo l’arrivo degli annunci commerciali sulla piattaforma di messaggistica già entro gli ultimi mesi di questo 2020.