broomstick challenge

Sui social vi sarà capitato in questi giorni di scovare qualche video dal titolo “le scope stanno in piedi da sole“. È una moda divenuta subito virale che, in pratica, mostra delle clip taggate con la dicitura Broomstick Challenge in cui le scope sarebbero rimaste in piedi da sole per un fenomeno scientifico.

Ovviamente è tutta una bufala e a favorirne le sorti sono stati i social di ultima generazione. Per esempio su TikTok sono circolati dei video in cui la Nasa avrebbe comunicato che il 10 febbraio la rotazione della Terra avrebbe permesso alle scope di tutta l’America di stare in equilibrio in piedi.

 

La scopa sta in piedi: ecco la NON magia di Broomstick Challenge

Ma sebbene potremmo anche dare credito a una particolare inclinazione dell’asse terrestre temporanea, l’idea di associarla alla challenge è stata così assurda da far cadere nel trucco milioni di persone. Ormai però le bufale e le fake news stanno diventando un virus peggio di quelli che mietono vittime per davvero, e purtroppo l’immediatezza delle comunicazioni via social fanno il resto.

Nessun controllo delle fonti, nessun contraddittorio: la moda dell’hashtag Broomstick Challange è dilagata ovunque, dove improbabili personaggi si sono messi girare clip in cui dimostrano che una scopa sta davvero in piedi da sola. Ma la banalità di tutto questo, e non sappiamo dove trovano il tempo per non capirlo, è che sono le stessi leggi della fisica a dirci la scopa sta dritta perpendicolare al terreno.

Semplice, il centro di gravità della scopa e la conformazione delle setole favorisce il tutto: basta posizionarla bene. Ma quello che veramente intristisce è che la NASA si è dovuta scomodare a smentire il fenomeno: non c’entrano né l’inclinazione terrestre né la magia.