Il gruppo di hacker russo Fancy Bear ha colpito più di una dozzina di autorità antidoping e organizzazioni sportive in tutto il mondo. Questo è quanto rivelato da alcuni ricercatori che si occupano della sicurezza.

Gli analisti del Microsoft Threat Intelligence Center hanno pubblicato i dettagli degli hack, iniziati il ​​16 settembre. L’Agenzia mondiale antidoping (Wada) stava prendendo in considerazione un’azione contro gli atleti russi in vista delle Olimpiadi di Tokyo del 2020. “Almeno 16 organizzazioni sportive e antidoping nazionali e internazionali in tre continenti sono prese di mira in questi attacchi”, ha scritto Microsoft in un post sul blog che illustra in dettaglio l’attività.

“I metodi utilizzati negli attacchi sono simili a quelli usati abitualmente da Fancy Bear per colpire governi, militari, gruppi di riflessione. E ancora, studi legali, organizzazioni per i diritti umani, società finanziarie e università in tutto il mondo.Microsoft ha affermato che la maggior parte degli attacchi informatici ha avuto esito negativo. Ma non tutti. La società ha notificato tutte le organizzazioni prese di mira.

Fancy Bear è il gruppo di hacker coinvolto in una serie di cyber-attacchi contro le agenzie anti-doping

Non è la prima volta che attacchi informatici a tali organizzazioni sono opera di Fancy Bear. Nel 2016 e nel 2018, secondo quanto riferito, il gruppo di hacking ha preso di mira le e-mail di funzionari antidoping al fine di scoprire e pubblicare cartelle cliniche private. Il procuratore generale Jeff Sessions ha affermato che gli hack sono stati progettati per “diffondere le informazioni personali di centinaia di funzionari e atleti antidoping. Questo come parte di uno sforzo per distrarre dal programma di doping sponsorizzato dallo Stato russo”.

Wada ha avvertito il mese scorso che la Russia deve far fronte a un divieto di tutti i principali eventi sportivi per “discrepanze” nei risultati di laboratorio degli esami del sangue degli atleti. Gli atleti russi sono stati banditi dalle Olimpiadi invernali del 2018 a Pyeongchang. Potremmo vedere la Russia bandita dalle Olimpiadi della prossima estate e dai Mondiali di calcio del 2022. Wada ha dichiarato che non ci fossero prove sufficienti per affermare che i dati raccolti non fossero stati contraffatti.