Marte

Grazie alle nuove tecnologie implementate dall’uomo negli ultimi anni si è finalmente riusciti a fare degli enormi passi in avanti in merito all’esplorazione dello spazio. Attraverso alcuni radiotelescopi presenti sul nostro pianeta e grazie ai rover e ai satelliti mandati nello spazio, ad oggi gli scienziati hanno allargato la conoscenza dell’universo riuscendo addirittura nell’impresa di fotografare un vero e proprio buco nero distante 55 milioni di anni luce che in chilometri sono pari a circa 52.000 miliardi di miliardi di chilometri.

Nonostante lo spazio sia infinito e i pianeti da scoprire siano ancora molti, l’attenzione dei maggiori esperti del settore continua a puntate Marte, il famoso pianeta rosso che di cui spesso sentiamo parlare ultimamente. Negli ultimi anni di esplorazione, infatti, attraverso le molteplici missioni marziane l’uomo è riuscito a fare delle scoperte sensazionali, impensabili fino a qualche tempo fa. Scopriamo quindi di seguito tutto ciò che ad oggi conosciamo.

Marte: ecco le scoperte sorprendenti degli ultimi mesi

Grazie alla recentissima missione di InSight e al veterano rover Curiosity, la NASA è riuscita a scoprire tantissimi nuovi aspetti del famoso pianeta rosso. Di recente, infatti, attraverso i sensori posti sulla sonda InSight, la NASA è riuscita a catturare alcuni suoni molto interessanti. Pare infatti che la sonda abbia registrato il suono di forti raffiche di vento e, inaspettatamente, di oltre 100 Marsquakes, i cosiddetti terremoti marziani.

Le novità, però, non finiscono qui. Dopo oltre 8 anni dal suo lancio, il famoso rover Curiosity, attraversando il cratere Gale, è riuscito a scoprire qualcosa di sensazionale. All’interno del cratere, infatti, sono state ritrovate delle rocce ricche di sali minerali. Una prova inconfutabile, quindi, del fatto che molti anni fa in quel luogo risiedevano dei laghi salati