rover-curiosity-marte-nasa-prove-oasi-scienziati-segreti

Nel suo ultimo trekking attraverso il Cratere Gale su Marte, il Rover Curiosity ha scoperto prove che conducono a quello che gli scienziati credono fosse un’oasi. Era alla base di un cratere largo 150 chilometri.

Gli scienziati di Curiosity hanno descritto la scena in un articolo su ” Nature Geoscience ” pubblicato all’inizio di questa settimana. I ricercatori che analizzano i dati Rover stanno estrapolando dati sulle rocce arricchite da sali minerali. Essi sono la prova di stagni salati che hanno attraversato periodi di essiccazione e straripamento.

Marte, i dati vengono campionati dal Rover Curiosity della NASA

Questi depositi fungono da filigrana prodotta dal clima di Marte quando è cambiato da quello umido all’attuale gelido deserto. Il prossimo passo nella loro ricerca è capire quanto tempo è durato il passaggio e quando è avvenuto, secondo una dichiarazione del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

Il cratere Gale è la formazione geologica rimanente da un impatto che ha cambiato la superficie di Marte. Alla fine l’acqua e il vento riempirono il cratere, scolpito dal vento. Il Rover sta raccogliendo campioni di ogni strato mentre si arrampica e restituisce quei dati per rivelare nel tempo nuove informazioni sull’ambiente su Marte, ha affermato la NASA.

Leggi anche:  La Luna è più luminosa del Sole: nuove preoccupazioni dallo Spazio

“Siamo andati al cratere Gale perché conserva questo record unico di Marte che cambia”, ha dichiarato l’autore principale William Rapin di Caltech, in una nota. “Capire quando e come il clima del pianeta ha iniziato ad evolversi è un pezzo di un altro enigma: quando e per quanto tempo Marte è stato in grado di sostenere la vita microbica in superficie?”

Le missioni di Curiosity potrebbero rivelare nuovi segreti

Gli scienziati ipotizzano che le formazioni geologiche potrebbero somigliare ai laghi salati dell’Altiplano del Sud America. “Trovare strati inclinati rappresenta un grande cambiamento, in cui il paesaggio non è più completamente sottomarino”, ha detto il membro del team Chris Fedo, specializzato nello studio degli strati sedimentari presso l’Università del Tennessee.

Le missioni future vedranno il Rover Curiosity guidare verso strati più inclinati per indagare sulle strutture rocciose. Se si formassero in condizioni più asciutte, ciò potrebbe significare una nuova fase di sviluppo per il cratere. Di conseguenza, potrebbero essere rivelati più segreti sulla vita su Marte di milioni di anni fa.