calibrazione batteria AndroidNon è raro che gli utenti del robottino verde segnalino scarsa autonomia dopo poche ore dall’accensione del dispositivo. Può succedere sia per telefoni con un certo numero di anni alle spalle sia per smartphone appena usciti dalla filiera di produzione. Si tratta di un problema abbastanza comune che si risolve con la procedura guidata alla calibrazione batteria Android che tutti noi dovremmo utilizzare periodicamente. Ogni malfunzionamento del sistema si risolve in maniera semplice secondo queste indicazioni pronte all’uso.

 

Android dura poco: come resettare la batteria con la calibrazione

La calibrazione Android serve per rimettere in assetto la batteria. Possiamo vedere la situazione da un altro punto di vista. Immaginiamo un’automobile a cui si è fatto il pieno ma il cui indicatore di livello segna rosso fisso. In queste condizioni è praticamente impossibile stabilire la reale autonomia della vettura. Con gli smartphone Android avviene la stessa identica cosa. Dobbiamo solo ripristinare i valori corretti.

La nostra batteria potrebbe essere nel pieno della sua capacità ma il sistema potrebbe mal interpretare i dati. Una situazione rischiosa in quanto una indicazione del 100% potrebbe in realtà rispecchiare un valore del 50% o anche meno. A questo punto occorre intervenire tempestivamente per rimettere le cose a posto. Lo facciamo seguendo le direttive della procedura guidata.

 

Come calibrare la batteria del tuo smartphone

Una volta che abbiamo identificato il problema ci serve la soluzione. Una conferma sullo stato di salute del supporto hardware giunge per mezzo dell’utility software raggiungibile tramite il percorso Impostazioni > Info Telefono > Stato Batteria. Verificato il fatto che tutto sia riconducibile ad una errata lettura dei dati facciamo in questo modo:

  • utilizzare lo smartphone fino a portare la batteria a completo esaurimento (il telefono non deve riuscire a completare il boot)
  • inseriamo il caricabatterie
  • lasciamo il telefono in carica fino al 100% con caricabatteria connesso
  • continuiamo a caricare aspettando ulteriori 2-3 ore dopo la ricarica completa
  • trascorso questo tempo stacchiamo il cavetto per 10-15 minuti lasciando spento il dispositivo
  • adesso ricolleghiamo il cavo (smartphone ancora spento) per ulteriori 10-15 minuti
  • con ancora il telefono in carica accendiamolo fino a completare l’accesso al sistema
  • adesso stacchiamo il caricabatterie
Leggi anche:  Android: 6 app gratis oggi e mai più, Google impazza sul Play Store

Si consiglia di eseguire la suddetta procedura utilizzando le opzioni per la ricarica rapida (se disponibile). In caso contrario serviranno fino ad 8 ore per completare il tutto ed una accurata pianificazione dei tempi. Eventualmente potrebbe essere necessario ripetere la procedura più volte.

La calibrazione andrebbe effettuata mensilmente o qualora il problema si ripresentasse. Ciò eviterà il naturale deterioramento delle celle ora inerti a causa dei dati falsati. Si ricorda, infine, che la buona prassi tecnica prevede un ciclo di utilizzo attivo intorno al 20 – 80%, come sotto consiglio degli esperti. Scariche e cariche complete e frequenti riducono la durata dei supporti conducendo inevitabilmente a riparazioni fai da te e contatti con l’assistenza tecnica causa integrazione dei supporti. In questo modo otteniamo un telefono in salute e maggiore autonomia.