truffa Intesa Sanpaolo ATM

Si allungano i tempi affinché i truffati dalle banche possano ottenere giustizia attraverso ì risarcimenti dovuti. Gli istituti di credito in questione, ossia UniCredit, Banco BPM, Monte dei Paschi, Banca Aletti e Intesa Sanpaolo risultano attualmente indagati, e da loro sono stati sequestrati preventivamente ben 700 milioni di euro.

La Procura di Milano prosegue le indagini iniziate a seguito di alcuni controlli da parte dell’Antitrust, ha ricostruito una vicenda a dir poco agghiacciante su come le banche in questione abbiano sfruttato il proprio ruolo di consulenti finanziari verso i propri clienti per trarre vantaggi economici a loro discapito.

La truffa dei diamanti: gli ultimi aggiornamenti

La frode è partita a seguito dell’iniziativa di due società presenti nel mercato di rivendita dei diamanti, la IDB (Intermarket Diamond Business di Milano) e la DPI (Diamond Private Investment di Roma). Le due imprese, che inizialmente dovevano soltanto esporre materiale pubblicitario presso le filiali dei gruppi bancari su citati, hanno successivamente coinvolto le banche in un raggiro ai danni dei propri clienti.

Leggi anche:  Unicredit, BNL e SanPaolo tra nuove truffe e nuovi controlli del Fisco

Ai malcapitati veniva infatti proposto di investire sui diamanti, che erano rappresentati come un “bene rifugio” grazie al quale il guadagno risultava garantito e portava frutti che superavano il 3-4% annuo di profitto, più di qualsiasi titolo di Stato. I clienti, colpevoli solo di aver scelto consiglieri malfidati, ritenendolo un buon investimento utilizzavano anche i guadagni di una vita perché fruttassero un po’ di più.

Non fosse che queste quotazioni presentate loro erano estremamente gonfiate rispetto a quelle mondiali, e il reale valore dei diamanti si attestava sul 30-50% del prezzo a cui erano stati venduti.

Mentre proseguono le indagini della Procura, l’enorme quantità di segnalazioni e richieste di rimborso pervenute (si è quasi a quota 20.000) ha indotto il tribunale a decidere di esprimersi sulla vicenda durante l’udienza del prossimo 21 ottobre. Nel frattempo, continueremo a seguire da vicino la vicenda per dare quante più informazioni possibili per conoscerla ed eventualmente affrontarla.