disserviziIn rete esiste un servizio molto importante a disposizione dell’intera community italiana, e mondiale, chiamato Downdetector, con il quale ognuno di noi ha la possibilità di scoprire gli eventuali down di sistema dei principali operatori telefonici nostrani o dei fornitori di servizi più comuni (come Spotify, Netflix e simili).

L’utility è completamente gratuita ed a disposizione indipendentemente dal sistema di collegamento e dall’offerta attiva, in altre parole basterà una connessione internet attiva per poter accedere ai dati condivisi. Allo stesso modo ricordiamo che DownDetector non ha nulla a che vedere con gli operatori telefonici, il suo compito è quello di raccogliere le segnalazioni della community e di metterle a disposizione di tutti gli altri, nulla di più.

 

Come utilizzare Downdetector

Downdetector è a tutti gli effetti un sito internet, dopo esservi collegati alla pagina principali potete recarvi presso quella dell’azienda di riferimento e visualizzare tre differenti tipologie di informazioni.

Leggi anche:  Down di rete: nuovi problemi sulle linee TIM, Wind Tre, Vodafone e Iliad

Nella parte alta trovate un grafico temporale contenente il numero di segnalazioni delle ultime 24 ore, nell’eventualità in cui sia stato registrato un picco è chiaro che nello stesso tempo si è andati in contro ad un down di sistema.

A questo punto diventa particolarmente importante la mappa, posta poco sotto, con la quale scoprire le zone colpite (o meglio da dove sono provenute le segnalazioni). Se tutto questo non vi dovesse bastare, scorrete ancora la pagina per scoprire il plugin Facebook nel quale gli utenti segnalatori avranno inserito i loro commenti con le cause del disservizio registrato.

Downdetector è scollegato da qualsiasi azienda e, in alcuni casi, potrebbe presentare informazioni non proprio corrette al 100%. Per maggiori informazioni collegatevi qui.