porsche-wallpaper-2-gt2-rs-911-incidente-nave
Una nave portacontainer italiana chiamata “Grande America” ​​ha preso fuoco e affondò la scorsa settimana al largo della costa atlantica francese. Per fortuna, tutto l’equipaggio è stato in grado di evacuare in sicurezza, ma oltre 2.000 macchine sono cadute con la nave. La maggior parte di questi erano diverse Audi (A3, A4, A5, RS4, RS5, Q7), ma c’erano anche 37 Porsche sulla barca. Il carico più prezioso era rappresentato da quattro modelli 911 GT2 RS, destinati a una vita in Brasile.

Porsche ha confermato il naufragio e si è espressa sull’accaduto: la 911 GT2 RS tornerà in produzione per soddisfare questi ordini persi. Porsche ha concluso la produzione sulla 911 progettata per l’autodromo a febbraio di quest’anno, quindi non è passato molto tempo da quando è stata prodotta la vettura. Tuttavia, riportare la 911 in produzione dopo un naufragio è una notizia che attira l’attenzione.

Leggi anche:  Boeing si unisce a Porsche per costruire un'auto elettrica volante

Porsche ha chiarito l’accaduto

Ecco la dichiarazione di Porsche sulla situazione tramite Porsche Brasil: “Porsche Brasil conferma che 37 delle sue nuove auto, in rotta da Amburgo, in Germania, a Santos, in Brasile, erano a bordo della nave Grande America che ha subito un incidente marittimo vicino alla costa di Brest, in Francia, il 12 marzo 2019. Tra queste c’erano quattro unità della 911 GT2 RS. In una decisione speciale e per mantenere il suo impegno nei confronti dei suoi stimati clienti brasiliani, Porsche ha garantito che tali unità verranno riprodotte nell’ordine in cui erano state inizialmente confermate. ”

Siamo entusiasti di sapere che Porsche non lascerà quei clienti solo perché una nave è affondata. Forse Porsche non utilizzerà lo stesso tipo di nave per trasportare il prossimo lotto attraverso l’Atlantico.