A due anni dalle elezioni presidenziali americane, Facebook continua ad avere un grosso problema. Questo riguarda la disinformazione russa e quello che viene condiviso attraverso gli strumenti della sua piattaforma.

In un post sul blog oggi la compagnia rivela un’altra tranche di attività false collegate al Cremlino. La società ha affermato che sono state rimosse un totale di 471 pagine e account Facebook, così come 41 account Instagram, che sono stati usati per diffondere propaganda nelle regioni dove il regime di Putin ha interessi geopolitici.

Facebook ha eliminato altri account falsi in passato

Nella sua ultima rivelazione, la società afferma di aver identificato due operazioni. Queste operazioni erano originari della Russia, ed entrambi utilizzano tattiche simili. Inoltre, le due reti sembrano non avere nessun tipo di collegamento diretto.

Un’operazione riguardava specificamente l’Ucraina. L’altra era attiva in numerosi paesi nei paesi baltici, in Asia centrale, nel Caucaso e nell’Europa centrale e orientale. Ora stanno ritirando le pagine in questioni e questi account in base al loro comportamento. Questo è quanto afferma Nathaniel Gleicher di Facebook, responsabile della politica di sicurezza informatica.

In questi casi, le persone dietro questa attività si sono coordinati tra loro e hanno utilizzato account falsi per rappresentarsi in modo errato, e questa è stata la base e la motivazione delle azioni di Facebook.

Leggi anche:  Come registrare le chiamate su WhatsApp, Telegram, Skype e Facebook

Discutendo dell’opzione di disinformazione russa rivolta a più paesi, Gleicher dice che Facebook ha trovato pagine di interessi innocui o di interesse generale. Queste sarebbero da collegare ai dipendenti della propaganda del Cremlino Sputnik, con alcune pagine che incoraggiano i movimenti di protesta e spingono altre linee di Putin.

Queste pagine collegate al Cremlino hanno anche ospitato circa 190 eventi. Il primo era previsto per agosto 2015, secondo Facebook, e il più recente previsto per gennaio 2019. Fino a 1.200 persone hanno espresso interesse per almeno uno di questi eventi. Non si può confermare se qualcuno di questi eventi sia realmente accaduto.

Facebook aggiunge che il reporting open source e il lavoro dei partner che indagano sulla disinformazione hanno aiutato a identificare la rete. Le informazioni sull’indagine sono state condivise con le forze dell’ordine degli Stati Uniti ed altre società tecnologiche e responsabili delle politiche nei paesi interessati.