mail fraudolenta
Una nuova mail fraudolenta, segnalata dal quotidiano “InvestireOggi.it“, minaccia la sicurezza dei clienti di Poste Italiane titolari di carte PostePay e PostePay Evolution. Ancora una volta il phishing tenta di sottrarre loro i dati di accesso al conto tramite email fake contenenti avvisi fittizi. Quest’ultimo tentativo di frode giustifica la richiesta dei dati spacciandosi per Poste Italiane, fingendo un’improvvisa sospensione della carta a causa dell’inserimento del codice OTP al fine di intensificare la sicurezza. Come sempre, gli hacker esortano all’aggiornamento repentino dei dati e forniscono un link fraudolento che spedirà la vittima ad un sito clonato, graficamente identico a quello di Poste Italiane.

Truffe PostePay: la mail  fraudolenta che richiede l’aggiornamento dei dati sta circolando nuovamente!

I criminali hanno ormai perfezionato i loro tentativi di frode online divulgando email phishing che potrebbero persuadere gli utenti meno esperti. Gli espedienti utilizzati per ingannare le vittime riguardano nella maggior parte dei casi informazioni che suscitano la preoccupazione dell’utente. Lo invitano, inoltre, a fornire i dati di accesso al conto online. Questo è il caso dell’ultima mail fraudolenta che sta circolando tra gli utenti rivolgendosi ai titolari di carte PostePay e PostePay Evolution.

Leggi anche:  PostePay: il rischio truffa continua ad essere alto, le ultime mail svuotano i conti

Arriva ai vari utenti a nome di Poste Italiane ma si tratta di malfattori soliti nascondere le truffe dietro il nome di aziende e banche, ma non solo. Invita i titolari delle carte a provvedere con l’aggiornamento delle credenziali e fornisce loro il link da utilizzare per procedere. Inseriti i dati verranno inviati ai criminali che svuoteranno le carte e prosciugheranno i conti.

Truffe del genere, definite phishing, possono essere evitate soltanto evitando l’inserimento dei dati e ignorando le email o gli SMS con cui si presentano. Ciò necessita la massima attenzione da parte degli utenti che devono identificare l’inganno ed evitare di lasciarsi persuadere.