Samsung Galaxy F

Per anni gli smartphone hanno mantenuto il tradizionale formato di visualizzazione dello schermo 16:9, ma a marzo 2017 Samsung ha dato il via ad una nuova tendenza con l’introduzione dei suoi Infinity Display. Questi utilizzano attualmente un aspect ratio di 18.5:9 e sono disponibili sia sugli smartphone premium che nei mid-range.

Tuttavia, nella speranza di rendere le cornici più piccole, Samsung dovrebbe allungare questo formato a 19.5:9 sui suoi smartphone nel 2019. Oltre tutto questo, il gigante sudcoreano si sta preparando anche a rilasciare il suo Samsung Galaxy F pieghevole. Al momento sono tanti i dettagli di questo dispositivo poco chiari.

 

Galaxy F rivoluzionerà il mercato degli smartphone? Samsung pensa all’Infinity-V Display

Non conosciamo il rapporto di aspetto, la risoluzione e persino lo spessore della cornice del display oltre a tutte le caratteristiche tecniche. A rendere il tutto ancora più misterioso, in attesa della conferenza annuale di novembre dove Samsung rivelerà qualcosa di questo suo Galaxy F, il produttore coreano ha depositato un nuovo marchio.

Leggi anche:  Galaxy Note 9, via a un nuovo aggiornamento ma senza patch di novembre

Il marchio in questione, etichettato come una tecnologia di display per smartphone, ha come nome Infinity-V Display; con la lettera “V” che presumibilmente identifica la possibilità di piegare il dispositivo. Non sappiamo altro su questa tecnologia e probabilmente non lo sapranno nemmeno alla Developer Conference del 7 novembre.

L’appuntamento, dunque, sarà rimandato a gennaio quando Samsung dovrebbe presentare il Galaxy F al CES 2019 di Las Vegas. Solo allora avremo un quadro completo su uno smartphone che ha l’obiettivo di dare una smossa ad un mercato ormai fin troppo saturo ma soprattutto uguale; povero di idee.

L’unica pecca di Galaxy F sarà il prezzo: lo smartphone sarà disponibile in tirature decisamente più basse di quelle degli smartphone e con prezzi che supereranno i 1500 euro. Noi non vediamo l’ora di riceverlo in redazione per farvi sapere se varrà la pena comprarlo o meno. Stesso discorso per il possibile tablet pieghevole.