Samsung, il brevetto di un tablet pieghevole

Il fatto che Samsung stia sviluppando uno smartphone pieghevole non è certo un segreto: la società dovrebbe addirittura svelare alcuni dettagli interessanti su quello che dovrebbe chiamarsi Galaxy F tra un mese, durante una sua conferenza annuale dedicata agli sviluppatori. Ma oltre a questo ci sarebbe anche un tablet pieghevole.

Gli ingegneri del produttore coreano sarebbero a lavoro proprio sulle tavolette digitali pieghevoli e a rivelarlo è un brevetto depositato da Samsung negli Stati Uniti ad aprile 2018. Una proprietà intellettuale che, come spesso accade in questi casi, è stata pubblicata solo in questi giorni.

 

Il tablet pieghevole di Samsung esiste in quel di Seoul: come funziona

Il brevetto descrive un tablet pieghevole che, una volta aperto, può essere utilizzato proprio come un tablet tradizionale. Tuttavia, se l’utente desidera utilizzare solo metà del display del tablet, può piegarlo in una direzione. Una soluzione che spegne metà del pannello e converte automaticamente l’interfaccia utente.

L’esperienza di utilizzo sulla porzione di schermo attiva, dunque, diventa simile a quella di uno smartphone. In alternativa, piegando il tablet nell’altra direzione il dispositivo si chiuderà e la scocca proteggerà lo stesso display. Una caratteristica che permette di riporre il tablet facilmente in tasca.

Leggi anche:  Samsung pronta ad annunciare il nuovo processore Exynos: intelligence from within

A causa dei vincoli che derivano da un design di tipo pieghevole, il tablet pieghevole di Samsung presenta delle cornici laterali particolarmente vistose perché ospitano i componenti necessari del pannello. Dal punto di vista costruttivo, queste saranno realizzate in alluminio proprio come il resto della scocca.

Al centro dello schermo, invece, non mancherà un meccanismo a cerniera che consentirà proprio il movimento pieghevole. Non abbiamo informazioni precise su quando Samsung presenterà questo dispositivo ma sicuramente dopo la presentazione e l’uscita sui mercati di Galaxy F. Quest’ultimo servirà per testare la reazione del mercato.

E se lo smartphone si rivelerà popolare, l’azienda potrebbe annunciare in fretta e furia il lancio di un tablet pieghevole con le caratteristiche che vi abbiamo appena spiegato. Nel frattempo, Lenovo sembra essere l’OEM favorito per quanto riguarda i tablet pieghevoli visto che ha già confermato che rilascerà un dispositivo con display LG da 13 pollici.