Google chromeGoogle Chrome rimuove una funzione che tutti gli utenti hanno ultimamente apprezzato. Il blocco automatico della riproduzione dei contenuti multimediali sul web non c’è più e scatena la polemica tra chi non può tollerare questo incessante tira e molla. Arriverà presto, ma quando?

 

Google Chrome rimuove il blocco autoplay

Di recente abbiamo scoperto 5 trucchi da sfruttare per accedere a speciali funzionalità Chrome. Gli ideatori del browser, ad ogni modo, sembrano incerti su alcune funzioni che tutti stanno aspettando con impazienza. Si parla in particolare del blocco per i contenuti in riproduzione automatica che partono nel momento in cui visitiamo una pagina web.

La feature, introdotta a partire dallo scorso aprile in occasione del rilascio della versione Chrome 66, è stata abbandonata a poche settimane dal suo esordio per poi ricomparire magicamente con le ultime versioni dell’applicazione. La build Chrome 70 l’aveva reintrodotta ma è stata ora abbandonata nuovamente.

Leggi anche:  Google Chrome tra poco vi proteggerà dai siti in abbonamento

I problemi sono sempre gli stessi. Il blocco, stando a quanto riferito, interferisce con altri contenuti come applicazioni e giochi sul web. Causa di questa mancanza sarebbe quindi l’incompatibilità con altri servizi. Problemi che si presentano soprattutto quando si visitano siti web meno aggiornati.

Secondo quanto dichiarato dalla stessa Google ai microfoni di 9to5Google la funzione potrebbe riapparire in occasione della distribuzione del nuovo update per Google Chrome 71 che giungerà alla nostra attenzione soltanto a dicembre.

Riuscirà lo sviluppatore di Mountain View a garantire una soluzione efficace al blocco dei contenuti audio-video? Ci si aspetta una proposta ottimizzata e meno problematica delle precedenti. Che sia finalmente la volta buona? Ve lo diremo a tempo debito. Intanto, diteci cosa ne pensate.