problemi smartphoneIl tuo smartphone è bloccato e non sai cosa fare? Si riavvia da solo senza un apparente motivo valido? Prima o poi ci siamo passati tutti. Accade sempre nel momento meno opportuno ed in tutti i casi genera frustrazione e rabbia. Scopriamo subito come risolvere questo inconveniente.

 

Come riparare uno smartphone che si riavvia da solo

In maniera del tutto casuale lo smartphone Android si riavvia senza motivo. Una situazione che dobbiamo necessariamente risolvere nel più breve tempo possibile. Analizziamo la situazione e vediamo come risolvere il problema.

 

Problemi softwareproblemi software smartphone

Il motivo principale di un riavvio spontaneao è quasi sempre legato ad un problema software. Un bug di sistema può causare il riavvio. Anche l’ultima vulnerabilità Android che prosciuga la batteria potrebbe essere responsabile, ma nella stragrande maggioranza dei casi sono 4 gli errori che portano a questa condizione.

 

App incompatibili o malware

Se hai tentato di installare app non compatibili da store alternativi o sfruttando Market Helper potresti incorrere in riavvii casuali e spontanei. Una non completa compatibilità con le API di sistema genera l’errore.

Allo stesso modo, anche applicazioni non ufficiali e non verificate possono generare il malfunzionamento. Queste app possono veicolare dei malware Android che impediscono il corretto funzionamento del sistema. Per ripristinare il corretto funzionamento del telefono, il sistema procede al riavvio.

La soluzione in entrambi i casi passa per una semplice disinstallazione delle app. Eseguite la procedura e riavviate lo smarpthone facendo anche una scansione antivirus utilizzando uno dei migliori software di cui vi abbiamo parlato in questo post.

 

Errore durante l’installazione di un aggiornamento

Anche un errore di installazione degli update può provocare il bug. In questi casi la misura da adottare è decisamente più drastica e passa per un reset ai dati di fabbrica. Prima di procedere eseguite un backup completo del telefono e successivamente accedete all’opzione che trovate al percorso:

Impostazioni>Avanzate>Backup e ripristino>Ripristina dati di fabbrica

Se per qualche oscura ragione non riusciste ad accedere a tale menu allora eseguite la cancellazione del contenuto della memoria passando dalla Recovery Mode passando per la voce relativa al Wipe data/factory reset.

Se nemmeno il reset dello smartphone funziona allora non vi resta che aggiornare manualmente il sistema operativo tramite una ROM ufficiale scaricabile online. Procuratevi il firmware ed effettuate il flashing da PC o da scheda SD.

 

Modifiche software ed operazioni avanzate

Avete sbloccato il vostro telefono utilizzando una delle migliori app per il root Android da PC e telefono ed ora avete combinato dei danni. Le modifiche alle componenti software sensibili del sistema hanno causato un malfunzionamento. Non tutto è perduto. In caso di modifiche marginali basta accedere alla Recovery Mode e selezionare l’opzione Wipe Cache. Ciò non elimina alcun dato personale ma cancella il contenuto della memoria temporanea. Non è necessario un backup.

Diversa, invece, la situazione in cui le modifiche siano più profondo. In tal caso occorre procedere come alla sezione precedente, ovvero cancellando tutto il contenuto della memoria con un Wipe Data > Factory Reset. In questo caso è necessario fare un backup preventivo.

Leggi anche:  Wind Smart Pack: 1000 minuti, 40 GB e smartphone a 9 euro al mese

Alla successiva installazione scegliete una nuova ROM per il telefono tra quelle disponibili online e, preferibilmente, eliminate la concessione dei permessi da SuperUser per evitare nuovi problemi.

 

Bug di sistema

L’eventualità peggiore di un riavvio si deve allo stesso sistema operativo ed a personalizzazioni che non funzionano per il nostro smartphone. Spesso alcune ROM disponibili online presentano dei bug. Alcuni sono indicati in chiaro nella descrizione ed altri si manifestano casualmente. Assicuratevi che l’immagine di sistema installata conti su tutti i bugfixi previsti dallo sviluppatore. In caso contrario fate il flash di un firmware più stabile.

 

Problemi Hardwareproblemi hardware smartphone

Il caso più grave passa per i problemi hardware dello smartphone. In questo caso ci si può trovare di fronte a problemi più o meno gravi che metteranno alla prova le vostre abilità da smanettoni.

 

Scheda SD danneggiata

Non è un caso raro che la microSD causi il riavvio del telefono. Ciò si deve ad un malfunzionamento del circuito e quindi all’impossibilità di accedere ai dati delle applicazioni trasferite. Per verificare che la causa scatenante il malfunzionamento sia questa provate ad utilizzare lo smartphone senza scheda SD inserita. In caso di esito positivo non vi resta altro da fare che cambiare supporto.

 

Batteria danneggiata

Un comportamento sbagliato può portare, in casi estremi, alla distruzione della batteria. Ciò potrebbe non succedere ed il tutto potrebbe limitarsi ad un malfunzionamento non immediatamente visibile. Visto che i supporti sono integrati all’interno dei telefoni, spesso non è possibile avere informazioni immediate sullo stato fisico della batteria Android.

Se avete la fortuna di avere ancora un telefono con batteria estraibile tiratela fuori e verificate che non presenti rigonfiamenti. La prova del 9 si ha rimuovendo la batteria e facendola ruotare attorno ad una superficie solida piana come un tavolo. Se la batteria ruota allora le celle interne sono danneggiate. Se non si muove è tutto apposto.

In caso di smartphone con batteria non removibile (come tutti i modelli prodotti da almeno 3 anni a questa parte) occorre smontare il telefono e sostituire il supporto con uno originale compatibile. Rivolgetevi ad un centro assistenza o provvedete ad una sostituzione a casa se avete le competenza necessarie.

 

Altri problemi

Non siete riusciti ad individuare il problema tra quelli esaminati nei paragrafi precedenti? In questo caso l’ultima scelta resta il centro assistenza. In caso di telefono ancora coperto da garanzia potrete sfruttare il servizio gratuito del Customer Care. In alternativa prevedete una spesa per l’intervento di manutenzione.

Qualcuno dei metodi precedenti ha funzionato? Hai risolto i tuoi problemi? Faccelo sapere.