Google vuole frenare gli studenti dipendenti dal web

I giovani e il web stanno diventando sempre più una cosa unica, soprattutto dalla continua diffusione di smartphone sempre più “smart”. Il rapporto con internet degli studenti italiani, secondo uno studio, è davvero allarmante.

Lo studio è stato condotto in collaborazione da Skuola.net, l’Università La Sapienza di Roma e l’Università Cattolica di Milano per conto della Polizia di Stato. Ecco i risultati

 

Google vuole frenare la dipendenza degli studenti italiani dal web

Lo studio ha riportato che, su 6.671 persone intervistate tra gli 11 e i 25 anni, il 45% di ragazzi e studenti, passa almeno 5 o 6 ore al giorno online. I picchi maggiori li hanno ottenuti i giovani sui 19 anni. Lo studio ha rivelato che a dare preoccupazione, non è stato l’utilizzo continuativo ma bensì il controllo compulsivo del proprio dispositivo. Pensate che i giovani in media guardano il proprio telefono ogni 3 minuti, significa 20 volte ogni ora.

Leggi anche:  Facebook: lanciato negli Stati Uniti il rivale di TikTok, ecco i dettagli

Sempre secondo lo studio, i giovani utilizzano il web non per conoscenza (solo l’11%) ma soprattutto per i social network (42%). Lo scatto dei cosiddetti selfie è utilizzato dal 60% dei giovani che dichiarano di postarne almeno uno alla settimana. Il 14% ha dichiarato di postarne uno al giorno e il 13% addirittura più volte nell’arco di un giorno.

Questo studio dimostra che non esiste ancora tra i giovani un’educazione responsabile del web. Persino Google, durante il keynote dell’ultimo Google I/O su è soffermata a parlare di questo “problema”. Ha dichiarato infatti che intende fornire a tutti gli utenti delle contromisure per cercare di persuaderli a prendersi delle pause dal web.