NHK
In Giappone, NHK ha inaugurato il primo canale satellitare con risoluzione 8K.

Durante l’ultima edizione della fiera tecnologica CES tenutasi a Las Vegas, i principali produttori si sono sfidati anche nel segmento televisivo. Samsung, LG, Sharp e Philips solo per citarne alcuni hanno presentato al grande pubblico una serie di prodotti altamente tecnologici.

Le Smart TV del futuro infatti saranno basate sulla risoluzione 8K che andrà a sostituire l’attuale 4K. Infatti già nel corso di quest’anno sarà possibile acquistare i primo modelli dotati di tale tecnologia. Samsung sarà uno dei primi produttori a commercializzare queste TV.

Ovviamente si tratterà di un nuovo fattore che potrebbe creare confusione nei consumatori. Infatti sebbene l’8K sia necessariamente il futuro, al momento acquistare un prodotto in grado di supportarlo è solo puro marketing. Infatti durante durante un evento organizzato da Philips ad Amsterdam, la società di analisi IHS Markit ha offerto una previsione sul mercato TV.

La rivoluzione 8K sta iniziando

Affidandosi alle parole del direttore della ricerca Paul Gray, la società ha rilevato che le principali emittenti televisive europei inizieranno ad adottare lo standard di trasmissione in 8K non rima del 2025. Questo significa che queste particolari TV, caratterizzate nelle prime fasi da schermi da 80 pollici ed oltre, non potrebbero godere di trasmissioni dedicate.

Per fortuna in questo senso si sta muovendo il Giappone grazie all‘emittente NHK che sta testando le trasmissioni TV in 8K. Il motivo è presto spiegato, il 2020 sarà molto importante per la nazione del Sol Levante in quanto ospiterà i giochi olimpici di Tokyo. Alcune delle gare principali saranno filmate in 8K ma siamo ancora lontani dalle trasmissioni quotidiane a tale risoluzione. Considerando al situazione televisiva italiana dove si fatica a raggiungere il FullHD, la stima dell’anno 2025 è anche fin troppo ottimistica.