Nest Hub MaxQuando viene chiesto quali sono i sistemi operativi realizzati da Google, è probabile che la maggior parte delle persone ne conosca principalmente due: Android per smartphone e Chrome OS su laptop. In pochi probabilmente ricordano Fuchsia. Un tempo si parlava del fantomatico sistema operativo come di una sorta di sostituto di Android. Dopo molti sviluppi di basso profilo, è finalmente arrivato sui display intelligenti di Nest Hub di prima generazione senza molto clamore. Ora è pronto per essere integrato su più dispositivi, a partire dal Google Nest Hub Max.

Google Nest Hub Max: in arrivo Fuchsia, uno dei sistemi operativi di Google quasi dimenticato

Secondo un commento su Fuchsia Gerrit, Google sta testando versioni sperimentali del sistema operativo su “Sherlock“, che è il nome in codice del dispositivo. A ulteriore conferma di ciò, la società ha confermato a 9to5Google che è iniziata la fase di test della versione 6 del sistema operativo. Onestamente, la maggior parte degli utenti in possesso di un Nest Hub probabilmente non sa di questo aggiornamento, poiché non modifica alcuna funzionalità, nemmeno l’interfaccia utente. L’esperienza di visualizzazione intelligente è basata solo su Flutter. È probabile che vedremo una situazione simile con Nest Hub Max.

Il Google Nest Hub Max diventerebbe il secondo dispositivo del settore ad eseguire Fuchsia. Per il momento deve ancora essere distribuito alla maggior parte degli utenti. Potremmo eventualmente vedere Fuchsia su laptop e smartphone ad un certo punto in futuro, ma per ora dovremo accontentarci di vedere questo sistema operativo in funzione solo sui display intelligenti.