missile russia

Questa mattina, la Russia ha distrutto uno dei suoi satelliti con un missile, creando migliaia di detriti che si sono diffusi nell’orbita terrestre, secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno identificato più di 1500 detriti rintracciabili dall’evento e molti migliaia di detriti più piccoli che non possono essere rintracciati, ha detto Ned Price, un portavoce del Dipartimento di Stato, durante un briefing.

La notizia arriva tra le notizie dell’agenzia spaziale russa Roscosmos secondo cui gli astronauti che vivono a bordo della Stazione Spaziale Internazionale hanno dovuto ripararsi sul posto questa mattina a causa di una nuvola di detriti spaziali che sembra sia passata vicino alla stazione, il tempo necessario affinché la ISS orbitasse intorno alla Terra.

All’inizio, non era chiaro se i detriti che minacciavano la stazione spaziale provenissero dal test anti-satellite russo, o ASAT. Il Dipartimento di Stato ha semplicemente indicato che il campo di detriti è un pericolo per la stazione spaziale.

Questo test aumenterà significativamente il rischio per gli astronauti e i cosmonauti sulla Stazione Spaziale Internazionale, così come per altre attività di volo spaziale umano“, ha detto Price ai giornalisti. “Il comportamento pericoloso e irresponsabile della Russia mette a rischio la sostenibilità a lungo termine del nostro spazio e dimostra chiaramente che le affermazioni della Russia di non opporsi all’armamento dello spazio sono false e ipocrite”.

Un comportamento inaccettabile quello della Russia

Ma alla fine della giornata, l’amministratore della NASA Bill Nelson ha finalmente confermato che l’ASAT russo ha effettivamente portato gli astronauti a rifugiarsi sul posto. “Sono indignato per questa azione irresponsabile e destabilizzante“, ha detto Nelson in una dichiarazione a The Verge. “Con la sua lunga e leggendaria storia di voli spaziali umani, è impensabile che la Russia metta in pericolo non solo gli astronauti partner americani e internazionali sulla ISS, ma anche i propri cosmonauti”. Ci sono sette persone che attualmente vivono sulla ISS, due delle quali sono cosmonauti russi.”

“Stiamo lavorando attivamente per caratterizzare il campo di detriti e continueremo a garantire che tutte le nazioni che viaggiano nello spazio dispongano delle informazioni necessarie per manovrare i satelliti in caso di impatto“, ha affermato l’US Space Command in una nota. “Stiamo anche lavorando con l’interazione, compreso il Dipartimento di Stato e la NASA, riguardo a questi rapporti e forniremo un aggiornamento nel prossimo futuro“.

Il comando spaziale degli Stati Uniti ha monitorato i test ASAT dalla Russia negli ultimi due anni. Nel 2020, il comando spaziale degli Stati Uniti ha riportato due test della tecnologia ASAT russa, nota come Nudol.