marte-video-suoni-pianeta-rosso-rover-perseverance-nasaPerseverance ha scoperto per la prima volta qualcosa di mai visto prima, raschiando le rocce sulla superficie di Marte.

Il rover Perseverance è sul Pianeta Rosso dal 25 ottobre. Sta esaminando il cratere Jezero, come parte della ricerca della Nasa mirate a scovare tracce di vita extraterrestre. Recentemente ha fatto una breve pausa durante la congiunzione solare, il sole ha bloccato la comunicazione tra la Terra e Marte. Oltre a cercare la vita microbica, il rover riporterà anche campioni prelevati sul Pianeta Rosso affinché gli scienziati possano sviluppare una storia più accurata sulla situazione climatica del pianeta.

Perseverance: nuovi materiali raccolti dal rover spedito su Marte dalla NASA

“Ho abraso un piccolo pezzo di questa roccia per rimuovere lo strato superficiale e dare un’occhiata sotto. Mi sto concentrando sul mio prossimo obiettivo per #SamplingMars“, si legge in un post dall’account Twitter ufficiale del rover. Il rover ha rivelato un buffet circolare di minerali e sedimenti all’interno di una delle rocce stratificate del cratere, che gli scienziati possono usare per capire quando si è formato il materiale e il rispettivo clima.

È stato recentemente rivelato che il cratere Jezero era la sede di un antico fiume. Perseverance ha 43 provette in totale e ha finalmente raccolto il suo primo campione di roccia “perfetto”. Queste rocce potrebbero essere anche più antiche di quelle raccolte in precedenza. “Ci sono rocce potenzialmente più vecchie nella regione del ‘South Séítah’ davanti a noi, quindi avere questo campione più recente può aiutarci a ricostruire l’intera linea temporale di Jezero”, spiega Vivian Sun, una degli scienziati parte della missione.