Ford, Mustang Mach-E, Mustang, vettura elettrica, crisi dei chip

La crisi dei chip sta ancora causando problemi nel settore Automotive. A farne le spese questa volta è stata la Ford che sta avendo grandi ritardi nella produzione della Mustang Mach-E.

L’azienda americana ha iniziato ad inviare alcune email destinate ai futuri proprietari della vettura elettrica, cercando di spiegare la situazione. In particolare, dal messaggio emerge che la produzione ha subito un ritardo e questo si ripercuote direttamente sulle tempistiche di consegna.

Le consegne previste tra luglio e ottobre sono tutte posticipate di almeno sei settimane. La causa principale di questi problemi è la crisi dei chip che rende introvabili alcune delle componenti fondamentali per realizzare la vettura.

 

Ford sta avendo dei ritardi nella produzione di Mustang Mach E

Ford è solo una delle tante aziende automotive che stanno fronteggiando questo enorme problema. Di solito, le componenti più problematiche sono quelle relative ai sistemi di gestione delle batterie, fondamentali per le vetture elettriche.

Nonostante questo disguido, Ford assicura di star lavorando per completare al più presto la realizzazione delle Mustang Mach-E. Nel messaggio mandato ai futuri proprietari si legge che l’azienda si impegna ad aggiornare l’utente sullo stato di avanzamento della produzione. Inoltre, non appena arriveranno nuovi chip e semiconduttori, verranno inviate delle email per indicare una nuova data di consegna.

Tuttavia, per scusarsi dell’accaduto, Ford ha deciso di offrire ulteriori 250kWh in ricariche gratuite (pari a circa 1000 chilometri) a tutti gli utenti interessati dai ritardi nelle consegne. Le ricariche potranno essere effettuate sul network Ford Blue Oval. 

Ricordiamo che, sempre a causa della crisi dei chip, anche Tesla sta riscontrando alcuni problemi produttivi. La mancanza di semiconduttori potrebbe anche essere il motivo per cui il prezzo delle vetture di Elon Musk è salito a dismisura nell’ultimo perido.