truffe

La pandemia di COVID-19 ha aperto nuove porte ai truffatori. Dagli attacchi di phishing alle frodi contro la disoccupazione, nessun tipo di attacco è rimasto inutilizzato. Parlando di tentativi di phishing, le cartelle spam offrono uno sguardo abbastanza dettagliato sulle minacce che possono incombere nella tua casella postale. Secondo un recente rapporto, le truffe del supporto tecnico hanno ottenuto lo stato più favorito tra gli attacchi di phishing, seguite da sondaggi e truffe.

Negli ultimi 100 giorni, Norton ha bloccato 23,69 milioni di tentativi di phishing, e il maggior numero trattava di truffe tecnologiche e sondaggi.

Nell’ultimo trimestre sono state rilevate 909 milioni di minacce. Tra questi, il 55% erano malware basati su file e 405710 erano malware per dispositivi mobili. Gli attacchi di phishing hanno registrato un picco del 284% a giugno. A maggio, l’aumento è stato del 281%, che può essere attribuito alle attività di spambot e all’aumento di SMBC.

Persone disoccupate per colpa delle truffe

Con l’enorme dimensione dell’ecosistema dei cookie online, sono aumentate le opportunità di violazioni della privacy. La funzione di crittografia nelle app di chat più diffuse viene abusataper vendere materiale illegale. I criminali informatici stanno escogitando varie tecniche per colpire i consumatori ignari.

Più della metà (68%) di tutti gli utenti ha subito una sorta di truffa da falso supporto tecnico.Una presunta truffa tramite Robocall ha preso di mira quasi 58.000 persone in Florida che sono diventate disoccupate a causa della pandemia. I truffatori stanno sfruttando l’annuncio del lancio di Windows 11. Stanno diffondendo falsi installatori che trasportano malware.

Le tattiche sfruttate dai truffatori si sono evolute, da chiamate a freddo provenienti da falsi call center a schemi sofisticati. Le persone hanno perso molti soldi da tali truffe principalmente a causa della mancanza di consapevolezza.

Le truffe del supporto tecnico rimangono una spina nel fianco in tutti i settori e probabilmente continueranno fino a quando le persone non saranno formate e istruite sulle minacce informatiche. Le autorità di regolamentazione del governo dovrebbero aumentare gli sforzi per proteggere i consumatori dal phishing e da altre truffe.