variante-delta-aumento-contagi
Photo by Martin Sanchez on Unsplash

La variante Delta continua a farsi sentire in Italia con numeri sempre più in crescita un po’ ovunque nel paese anche se ci sono situazioni più complicate con aumenti triplicati rispetto anche a pochi giorni fa. In generale, si parla di un raddoppio sulla settimana visto che negli ultimi sette giorni è stato del 96%. Siamo passati da 14.446 casi a 28.342.

Se i contagi dovrebbero seguire quanto successo in altri paesi europei allora ci aspettano numeri ben più importanti. In Francia sono arrivati a 123.497, un aumento del 164% sempre sui sette giorni. In Spagna 159.664, ma si parla di una decrescita del 7% rispetto agli aumenti precedenti e lo stesso vale per la Russia con 169.354. Quest’ultimi due hanno mostrato come dopo un po’ ci si possa aspettare un’inversione di rotta.

 

Variante Delta: cosa aspettarsi

Questa diminuzione non sembra tanto essere legata alle misure restrittive attuate, visto che il terzo paese in questa situazione è il Regno Unito il quale ha riaperto tutto, ma piuttosto una combinazione tra persone vaccinate, persone guarite dal Covid-19 e quelle infettate. In sostanza, la platea di individui che può essere contagiata si è ridotta sensibilmente impedendo all’infezione di espandersi così tanto.

Attualmente in Italia sono state messe in atto nuove misure per cercare di ritardare il più possibile l’aumento dei contagi sperando di vedere aumentare sensibilmente il numero di persone che hanno ricevuto i vaccini. Aumentando questa platea si riduce il rischio di circolazione della variante Delta, o l’idea è questa, ma guardando i paesi sopracitati dovrebbe una strada affidabile.