Microsoft, Windows 11, Windows 10, sistema opeartivo

Il prossimo 24 giugno alle ore 17.0, Microsoft svelerà ufficialmente Windows 11. Il nuovo sistema operativo di Redmond rappresenterà una evoluzione di Windows 10 ma poterà anche tante novità inedite.

Sebbene l’indiscrezione non sia ancora confermata ufficialmente, a Redmond starebbero valutando di rilisciare l’aggiornamento del sistema operativo in forma gratuita. Per facilitare la transizione, Microsoft potrebbe adottare una strategia simile a quella usata per il grande debutto di Windows 10.

Sarà possibile effettuare l’upgrade da tutte le versioni precedenti di Windows a partire da Seven, passando per Windows 8.1 e ovviamente includendo Windows 10. L’unico sistema operativo non incluso nel processo sembra essere Windows 8.

 

Windows 11 arriverà in forma gratuita per miliardi di utenti PC

Gli utenti in possesso di questo OS dovranno prima effettuare l’aggiornamento alla versione 8.1 e in seguito potranno passare a Windows 11. Tutta queste informazioni sarebbero dovute rimanere segrete fino all’ultimo momento, ma sono trapelate svelando anticipando i piani dell’azienda. 

Addirittura, una build di test è finita in rete, permettendo a molti utenti di provare le novità del sistema operative. Alcuni esperti di XDA Developers hanno messo le mani su questa build di Windows 11 e ne hanno analizzato i file di sistema.

Grazie a questa attenta analisi è emersa questa notizia che farà felici tutti gli utenti Microsoft. Infatti, secondo le ultime dichiarazioni di Satya Nadella, CEO dell’azienda, Windows 10 può contare oltre 1.3 miliardi di installazioni in tutto il mondo. Questo numero può solo aumentare se si considerando tutte le attivazioni di versioni inferiori del sistema operativo.