monete rare

Non sono mai da snobbare quelle monete che presentano dei segni distintivi particolari o degli errori di produzione. Ci sono delle persone che, di fatto, le butta nell’immondizia pensando che si stia trattando di un pezzo falso, ma in realtà potrebbe trattarsi di un incredibile regalo.

Le monete rare si dividono essenzialmente in tre categorie principali: quelle con errori di conio, quelle prodotte in edizione limitata per la commemorazione di eventi storici e, infine, i vecchi denari che appartengono ad una vecchia epoca. Dunque, ritrovarsi con una di queste monete fortunate può essere davvero una grande fortuna.

 

 

Monete rare: questo 50 centesimi può valere un botto

Le vecchie monete, quelle che spesso non hanno nessun valore dal punto di vista legale o economico sul mercato attuale, conservano un valore importante dal punto di vista storico e collezionistico in alcuni casi. Quindi, se aveste a casa uno di questi modelli, potrebbe essere il caso di darci un’occhiata e approfondire ancora di più l’argomento.

In questo caso, possiamo parlare del 50 centesimi di Vittorio Emanuele II del 1938. Per riuscire a riconoscerlo è molto semplice, sul fronte il profilo del re con la scritta che richiama al suo nome che va a seguire la circonferenza della monete. Invece, sul retro, c’è un aquila dalle ali spiegate con la scritta Italia in alto.

Come viene riportano anche da moneterare.net, questo pezzo è stato venduto all’incredibile cifra di 21.850 euro a un’asta numismatica. Dunque, ritrovarsi un pezzo del genere nella vostra casa, potrebbe farvi davvero arricchire, e non di poco.