blankWhatsApp ha deciso di aggiornare i Termini di servizio e condizioni d’uso, costringendo gli utenti ad accettare le nuove regole sulla privacy per evitare di perdere l’accesso all’app. Non è una notizia del tutto nuova se pensiamo a tutti i servizi che ogni giorni ci chiedono se vogliamo accettare condizioni d’uso pur essendo in realtà un obbligo sottinteso.

Gli screenshot dei “Termini e aggiornamenti delle norme sulla privacy” sono stati condivisi da WaBetaInfo. Quest’ultimo ritiene che i nuovi termini si riferiscono al modo in cui l’app di messaggistica più popolare al mondo elabora i dati degli utenti. “Toccando Accetto, accetti i nuovi termini, che entreranno in vigore l’8 febbraio 2021“, afferma l’aggiornamento. “Dopo questa data, dovrai accettare i nuovi termini per continuare a utilizzare WhatsApp oppure potrai sempre eliminare il tuo account.”

WhatsApp conferma a The Independent che tutti gli utenti “devono accettare” i nuovi termini entro l’8 febbraio 2021. Un portavoce dell’azienda dichiara che i cambiamenti sono relativi al modo in cui le aziende opereranno sulla piattaforma e interagiranno con gli utenti. Maggiori dettagli su ciò che questo comporterà sono presenti in un post sul blog di ottobre.

WhatsApp criticato per l’ennesimo dubbio sulla violazione della privacy: nuove condizioni d’uso in vigore da febbraio del 2021

WhatsApp ha affrontato numerose critiche da quando Facebook ha acquistata l’app nel 2014 con un accordo del valore di 19 miliardi di dollari. Nel 2018, il fondatore di WhatsApp Jan Koum si è dimesso dalla carica di amministratore delegato dell’azienda. Preoccupato in particolare sulla privacy e sulla sicurezza dei dati. “Oggigiorno le aziende sanno letteralmente tutto di te, i tuoi amici, i tuoi interessi e usano tutto per i loro annunci“.

“In ogni azienda con annunci, una parte significativa del proprio team di ingegneri trascorre la giornata ottimizzando il data mining. Si occupano di scrivere un codice migliore per raccogliere i dati personali. Ricorda, quando è coinvolta la pubblicità, tu sei il prodotto“. Fonti vicine hanno detto al Washington Post all’epoca che si trattava di uno scontro inconciliabile sulla decisione di Facebook di utilizzare i dati personali a scopo pubblicitario.

Il co-fondatore Brian Acton ha dichiarato in un’intervista a Forbes dopo la sua partenza: “Ho venduto la privacy dei miei utenti a un vantaggio maggiore. Ho fatto una scelta. E ci convivo ogni giorno.” L’anno scorso, il fondatore dell’app di messaggistica rivale Telegram ha affermato che WhatsApp non sarà mai sicuro. “Guardando indietro, non c’è stato un solo giorno nel viaggio di 10 anni di WhatsApp in cui questo servizio fosse sicuro.”