Diesel metanoIl Ministero concede l’approvazione per l’implementazione del motore Diesel Dual Fuel. Le auto elettriche potrebbero essere a rischio per l’arrivo di un propulsore che offusca gli elettroni con le sue eccezionali doti meccaniche. Dopo aver scoperto perché il gasolio continua a sconfiggere le EV (info aggiornate qui) è tempo di scoprire le specifiche di questa nuova soluzione in grado di mantenere le massima performance introducendo una convenienza senza limiti.

 

Diesel a doppia alimentazione: il nuovo sistema ad iniezione di metano è favoloso per consumi e prestazioni

I veicoli Diesel di Classe Euro 6D-Temp possono ottenere la certificazione Dual Fuel con il metano. Le società che si sono fatte carico di questo nuovo livello sono Ecomotive Solutions e Autogas. La prima prova ha previsto l’implementazione diretta della piattaforma meccatronica a bordo di una Jeep Grand Cherokee 3.0 Multijet 250 Cv 4X4 Limited. Il risultato ha palesato qualcosa di inaspettato con performance costanti e autonomia record con risparmio netto garantito alla colonnina.

Le due aziende hanno chiarito che:

“I veicoli Euro6D-Temp con alimentazione diesel hanno raggiunto standard elevati per quanto riguarda il controllo delle emissioni allo scarico adottando componentistica e gestioni elettroniche sempre più sofisticate. Ottenere dal ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture la certificazione per questa tipologia di veicoli è dunque un risultato strategico per il gruppo, che nel tempo ha costantemente creduto e investito in ricerca & sviluppo ottenendo miglioramenti nella gestione elettronica dei sistemi e dei motori diesel, sia per quanto riguarda la progettazione e costruzione di componenti elettromeccanici”.

“Nella modalità “dual”, la centralina attiva gli elettro-iniettori del gas a loro volta collegati a un riduttore a doppia riduzione di pressione il metano può così entrare nel condotto di aspirazione e miscelarsi con l’aria per poi passare nel cilindro. Oltre a gestire tutti i componenti elettromeccanici, la centralina D-Gid Light è il terminale hardware e software di tutte le informazioni strategiche indispensabili alla riduzione del diesel compreso il reintegro dell’adeguata quantità di metano.
Nei test di consumo effettuati prima dell’installazione si è ottenuta una percorrenza media di 10-12 km litro su un percorso misto extraurbano-autostradale, mentre nei test dual (con le stesse percorrenze) il consumo di gasolio è stato di 18-23 km litro. Con il metano si è invece ottenuta una percorrenza di 19-22 km al kg con una conseguente riduzione media di gasolio del 50%. Le percentuali di riduzione gasolio, risparmio di carburante e riduzione delle emissioni variano in base alla tipologia di percorso”.