esenzione canone della RAI

Se solo ci fosse un modo per non pagare le tasse del canone RAI e del bollo auto. Potrebbe esistere a patto di rispettare alcune ben determinate condizioni scoperte dopo le indiscrezioni che avevano parlato di un universale addio rivelatosi poi una fake news in piena regola.

Sia per l’abbonamento TV che per la tassa di iscrizione dei veicoli al PRA esiste il modo per ottenere la totale esenzione. Vediamo caso per caso come riuscire a risparmiare parecchi soldi ogni anno.

 

Canone RAI e bollo auto: una pentola d’oro per lo Stato, ma possiamo evitare di pagare in questo modo

Gli analisti hanno stimato il complessivo sulle entrate di entrambe le tasse stabilendo il tetto di 7 miliardi di euro di utili annuali che vanno a finire nelle casse dello Stato. Ecco perché l’amministrazione è fortemente reticenti nell’eliminare questa tipologia di imposte.

Tali sistemi di tassazione sono ritenuti all’unanimità ingiusti in quanto prevedono l’uso di componenti per le quali abbiamo già pagato. Per il canone RAI si cita la richiesta di pagamento in caso di possesso di apparecchiatura domestica radio ricevente. Lo stesso dicasi per il bollo auto che viene addirittura tariffato sulla base delle potenza sviluppata dal motore della vettura secondo tariffario regionale.

In ambo i casi è possibile eliminare i costi provvedendo autonomamente all’inoltro delle relative domande. Per l’abbonamento ai canali televisivi occorre aver compiuto 75 anni di età ed essere percettori di redditi ISEE uguali o inferiori a 7.500 euro annui. In tali condizioni ci si reca sul sito dell’Agenzia delle Entrate e si scarica il modello F24 per la richiesta da presentare al proprio Comune di Residenza. Altri casi in cui la procedura si rende valida sono:

  • personalità diplomatiche e militari stranieri
  • cittadini intestatari di utenza elettriche che dichiarano il mancato possesso di TV

Molti sfruttano poi degli escamotage per evitare di pagare il canone. Questo è il caso di apparecchiature non espressamente dedicate alla ricezione dei canali TV via Digitale Terrestre. Basta un dongle USB con software apposito per la visione dei canali HD ed un’antenna esterna da collegare a PC e tablet per godere della programmazione gratuita. Stesso discorso anche per coloro che installano un radioricevitore a bordo della propria automobile.

Il discorso bollo auto è più complesso ed in fase di valutazione. Le Regioni, infatti, stanno deliberando a favore dell’azzeramento bollo a senso unico per le auto non inquinanti. Ibride ed elettriche, infatti, potrebbero presto fregiarsi della possibilità di ottenere sconti del 100% per 3 o 5 anni oltre che a tutta una serie di altri incentivi come parcheggi omaggio nelle aree urbane (strisce blu) ed accesso alle zone con traffico limitato.