Con il passare degli anni, il social network più famoso del mondo, Facebook è diventato come luogo comune,i social network dei cinquantenni e, Twitter quello degli intellettuali. Allo stesso modo, Instagram è stato etichettato come il social network dell’ultima generazione, e a sua volta Tik Tok è diventato il social network dei giovanissimi. Non poteva quindi mancare a lungo dal web un nuovo social network: Column, il social network dei ricchi, così com’è stato soprannominato.

Perché Column è un social network fatto apposta per i ricchi

Se anche fossimo semplicemente dei curiosi che vogliono vedere più da vicino come questo social network sia stato costruito, non potremmo del tutto: tanto per cominciare, è possibile iscriversi solo e unicamente tramite invito; la registrazione, inoltre, avrà il costo di ben 100.000 Euro. Presenzieranno all’interno di questo social network, figure di spicco quali Gwyneth Paltrow, ricchi imprenditori di spicco, premi Nobel e personalità come ad esempio Elon Musk.

Parlando ancora dei curiosi, tuttavia, sarà possibile per le persone comuni (pur senza avere la possibilità di interagire) sbirciare tutto ciò che queste figure di spicco posteranno sul social. L’idea è pertanto quella di sentirsi ispirati dalle vite delle star che vediamo tutti i giorni o in televisione o sul web. Uno degli aspetti positivi di questo futuro social network, è che questa accurata selezione iniziale degli iscritti, non permetterà ai troll di diffondere fake news. A questo proposito, sarà assente il tasto like, ma ne sarà presente uno finalizzato a rendere più credibili le notizie che verranno pubblicate: il tasto Truth (verità in inglese). Maggiore sarà la quantità di clic sul tasto truth, più affidabile verrà considerata la notizia.

Articolo precedenteAmazon: lanciato il teaser trailer del documentario su Tiziano Ferro
Articolo successivoSpotify: 124 milioni di utenti paganti e i podcast in crescita
Gilda Fabiano
Mi chiamo Gilda Fabiano e sono nata all'inizio degli anni 90, decade che ha condizionato interamente la mia vita. Amo infatti la musica di quel periodo, dal grunge al pop, alla discutibilissima musica disco. Amo gli horror di ogni genere e sin da molto piccola ho iniziato a scrivere. Dapprima storie fantastiche e naturalmente horror, poi poesie, filastrocche, per arrivare ai fumetti. Amo cantare e sono passata a lungo anche attraverso la musica, soprattutto il jazz, ma anche questo influenza da sempre la mia scrittura. Ho iniziato ad apprezzare e scrivere articoli al liceo, quando per un progetto con la scuola, ho portato l'inchiesta sul fosforo bianco a Falluja, con il grandissimo aiuto di Sigfrido Ranucci. Nel 2017 ho deciso di avviarmi alla carriera di sceneggiatrice (per fumetti e non) iscrivendomi alla Scuola Internazionale di Comics di Roma. Durante questo percorso ho intrapreso diverse collaborazioni come articolista e recensore per riviste come Città Nuova, rivista online e cartacea di Roma, e il blog di recensioni cinematografiche chiamato Spoilers & PopCorn,. Oltre a collaborazioni come soggettista e ghost writer per diverse aziende ho anche pubblicato una storia breve a fumetti per la giovane casa editrice Bugs Comics. Continuo a scrivere poesie e racconti e da poco ho intrapreso la collaborazione con Tecnoandroid, di cui sono entusiasta!