blank

Sono arrivate nei primi anni Duemila e hanno rivoluzionato il nostro modo di comunicare: le emoji sono sempre più utilizzate, per la loro capacità di esprimere, in modo simpatico, interi concetti o emozioni, rappresentando visivamente quel che si vorrebbe esprimere. Il loro successo è indiscusso. Anzi, secondo uno studio condotto dalla Kinsley Institute, l’uso delle emoji eserciterebbe un fascino tale da spingere l’utente ad avere una vita sessuale più attiva.

O ancora, queste simpatiche faccine sono così spesso utilizzate al punto che alcuni produttori hanno cominciato a realizzare delle tecnologie che permettano di accedere in modo semplice ed immediato all’elenco delle emoji. E’ il caso di Microsoft, che ha realizzato delle nuove tastiere dotate di un tasto specifico per le emoji.

113 nuove emoji in arrivo per la seconda metà dell’anno

Ogni anno, vengono create nuove emoji. Queste, vengono poi implementate nelle principali piattaforme di messaggistica istantanea disponibili per i maggiori sistemi operativi (iOS, Android e Windows), come WhatsApp, Telegram e Facebook, giusto per citare alcuni dei servizi più popolari. Sono ben 113 le nuove emoji che verranno introdotte nel corso di quest’anno (nello specifico, a partire dalla seconda metà del 2020).

Tra le nuove emoji, una faccina sorridente con una lacrima; una faccina travestita; la tipica “mano all’italiana” (disponibile in diverse tonalità); due persone che si abbracciano; ninja; tuxedo; persona che allatta un neonato (disponibile anche nell’opzione gender-inclusive, oltre che uomo e donna); gatto nero; pianta grassa; castoro; orso polare; piuma; foca; oliva; fonduta; bubble tea; capanna; pickup truck; bacchetta magica; piñata; moneta; specchio; finestra; trappola per topi; spazzolino e bandiera transgender. Vi lasciamo ad un video in cui vengono mostrate le nuove emoji.